19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.37

La nota del sindaco di Ascoli

Decreto sicurezza, Castelli: “All’Anci bocciata la linea di Leoluca Orlando”

10 Gennaio 2019

L’appello dei 400 sindaci ad Antonio Decaro a sostegno del Decreto Sicurezza e per la salvaguardia dell’Anci dalle derive del partito dell’accoglienza ha centrato i propri obiettivi. L’immigrazione è una questione nodale nelle società moderne, in Italia e nel mondo, e puó diventare ‘esplosiva’ per un’associazione come l’Anci che, per definizione, deve tenere insieme quanti – pur rivestendo la carica di Sindaco – si ispirano a visioni politiche alternative. Le recenti dichiarazioni di Leoluca Orlando hanno gettato benzina sul fuoco e grazie all’iniziativa dei 400 si è evitato il peggio“, ad affermarlo in una nota Guido Castelli, sindaco di Ascoli e delegato alla Finanza Locale dell’Anci.

Antonio De Caro ha pienamente condiviso le nostre valutazioni e lo ringraziamo per questo. Parlare del decreto sicurezza come di un provvedimento ‘disumano e criminogeni’ ci allontana dalla verità e dall’opportunità – prosegue – Il decreto sicurezza ha due meriti indiscutibili. Il primo sta nel fatto che lo Stato italiano, dopo anni, finalmente torna a prefiggersi l’obiettivo di governare i flussi migratori e non di subirli come fossero fatalità inevitabili. Il secondo riguarda i comuni che in virtù della nuova formulazione dello SPRAR possono tornare a concentrarsi, su base volontaria, sull’integrazione degli stranieri regolari e non sull’accoglienza dei clandestini“, aggiunge.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.