Decreto sicurezza, l'Anagrafe riceve le prime richieste ma le spedisce a Orlando. Impiegati in malattia | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

dopo la sospensione del provvedimento

Decreto sicurezza, l’Anagrafe riceve le prime richieste ma le spedisce a Orlando. Impiegati in malattia

31 Gennaio 2019

L’Anagrafe del Comune di Palermo ha spedito al sindaco Leoluca Orlando le prime quattro pratiche giudicate “irricevibili” dall’ufficio (alla luce del decreto sicurezza), presentate da richiedenti asilo, tre uomini del Bangladesh e una donna libica.

orlando-sindaco-fasciaIl sindaco, lo scorso 2 gennaio, ha chiesto agli uffici di valutare la sospensione degli effetti della legge e in seguito ha aggiunto che avrebbe provveduto lui stesso a firmare i documenti. Il no alle quattro pratiche, da parte dell’Anagrafe, risale al 28 gennaio.

Intanto, nell’ufficio di viale Lazio che si occupa delle richieste dei migranti, alcuni impiegati sono ancora in malattia. Lunedì scorso, primo giorno di appuntamenti dopo il ‘blocco’ stabilito il 2 gennaio, i dipendenti in malattia erano 5 su 6 e oggi il numero è inalterato, spiega il capo area Maurizio Pedicone:Avevo spostato quattro unità da altri settori: anche questi si sono ammalati. Chi ha preso una storta, chi si è stato male in ufficio, chi ha l’influenza”.

“Ho mandato i medici fiscali – aggiunge Pedicone – come impone la legge ma i dipendenti sono stati trovati nelle loro case. Ho spostato 2 persone da altri uffici per l’esame delle pratiche”.

Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Scuola, “prorogare il contratto degli insegnanti precari”

Giovanna D’Agostino è la presidente dell’Associazione “Insieme per il sostegno” di cui fanno parte centinaia di insegnanti precari. In questa intervista si fa portavoce del sentire degli insegnanti precari chiedendo al Governo Conte la proroga del contratto al 31 agosto per tutti i precari della scuola
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona