Degrado a Palermo: abbandono incontrollato di tonnellate di rifiuti allo Zen 2 | Foto :ilSicilia.it
Palermo

in via S. Nicola

Degrado a Palermo: abbandono incontrollato di tonnellate di rifiuti allo Zen 2 | Foto

di
21 Aprile 2019

 

Guarda la fotogallery in alto

Mattoni, plastica, tubi di vario genere, involucri di materiale edile, cemento, amianto e ancora immense radici di alberi di palme, mobili, elettrodomestici. Questo e molto altro è possibile trovare in via San Nicola nel quartiere Zen 2 a Palermo.

Continua senza sosta, dunque, l’abbandono incontrollato di tonnellate di ogni sorta di rifiuti rivenienti anche da attività di demolizione e ristrutturazione di immobili.

Per evitare il continuo verificarsi di questi ed altri simili episodi delinquenziali si dovrebbe inibire il transito da questa strada, che tra l’alto è diventata impercorribile all’80%, oppure istallare idonee telecamere di controllo” afferma Giovanni Moncada, presidente dell’associazione comitati civici Palermo.

L’Amministrazione pubblica, in ogni sua componente, non può far finta di ignorare tutte le richieste da noi inoltrate. Ha il dovere di intervenire per ripristinare la legalità, da alcuni del tutto sconosciuta” prosegue Moncada.

Questa via, in queste condizioni, non può definirsi una pubblica via per il transito dei cittadini, ne proponiamo la chiusura a tutela della sicurezza e della integrità fisica delle persone” conclude il presidente dell’associazione.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.