Degrado e rifiuti a Palermo: dal centro alle periferie un percorso "culturale" alternativo per i turisti | Foto :ilSicilia.it
Palermo

la denuncia dell'associazione comitati civici

Degrado e rifiuti a Palermo: dal centro alle periferie un percorso “culturale” alternativo per i turisti | Foto

di
29 Aprile 2019

 

Guarda le foto in alto

Degrado e rifiuti in via degli Aragonesi a Palermo e più precisamente all’altezza della Fondazione Teatro Massimo. Addossati all’elegante edificio, infatti, vi sono sacchetti pieni di spazzatura maleodorante, ingombranti e sfabbricidi.

Si tratta di una discarica abituale – denunciano dall’associazione comitati civici Palermo –  nonostante il prestigio dell’edificio e della zona, nelle vicinanze del Teatro Massimo e a ridosso di importanti uffici comunali, e nonostante la presenza di una caserma dei Carabinieri, il degrado ed il fetore sono insopportabili“.

Ma anche in via Generale Luigi Cadorna, angolo via Mongitore, un quadrivio molto frequentato dai turisti che vengono a visitare le bellezze della nostra città è possibile trovare un cumulo di rifiuti ingombranti abbandonati

Ci troviamo nel percorso arabo-normanno, vicino c’è la chiesa di San Giovanni degli Eremiti, il Palazzo dei Normanni, la Cattedrale – continua l’associazione – Tra i mobili in parte smontati, vi sono delle pericolose lastre di vetro e un water addossati ai cassonetti dei  rifiuti“.

Anche in piazza del Carmine a Ballarò vi è una grave situazione di degrado a ridosso della cabina ENEL posta al centro della piazza.

Oltre alla spazzatura accumulata lungo tutto il perimetro della cabina ed ai cassonetti sempre stracolmi di rifiuti di ogni tipo, pericolosissimi in caso d’incendio, vista la vicinanza agli impianti elettrici contenuti nel manufatto, abbiamo notato la presenza di una specie di sgabuzzino chiuso da un lucchetto, presumibilmente abusivo, addossato alla cabina stessa” concludono dall’associazione.

 

LEGGI ANCHE:

Rap, Norata: “Riconsegneremo i quartieri di Palermo puliti ai cittadini” | Video intervista

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.