16 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.24
Palermo

la denuncia dell'associazione comitati civici

Degrado e rifiuti a Palermo: dal centro alle periferie un percorso “culturale” alternativo per i turisti | Foto

29 Aprile 2019
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'

 

Guarda le foto in alto

Degrado e rifiuti in via degli Aragonesi a Palermo e più precisamente all’altezza della Fondazione Teatro Massimo. Addossati all’elegante edificio, infatti, vi sono sacchetti pieni di spazzatura maleodorante, ingombranti e sfabbricidi.

Si tratta di una discarica abituale – denunciano dall’associazione comitati civici Palermo –  nonostante il prestigio dell’edificio e della zona, nelle vicinanze del Teatro Massimo e a ridosso di importanti uffici comunali, e nonostante la presenza di una caserma dei Carabinieri, il degrado ed il fetore sono insopportabili“.

Ma anche in via Generale Luigi Cadorna, angolo via Mongitore, un quadrivio molto frequentato dai turisti che vengono a visitare le bellezze della nostra città è possibile trovare un cumulo di rifiuti ingombranti abbandonati

Ci troviamo nel percorso arabo-normanno, vicino c’è la chiesa di San Giovanni degli Eremiti, il Palazzo dei Normanni, la Cattedrale – continua l’associazione – Tra i mobili in parte smontati, vi sono delle pericolose lastre di vetro e un water addossati ai cassonetti dei  rifiuti“.

Anche in piazza del Carmine a Ballarò vi è una grave situazione di degrado a ridosso della cabina ENEL posta al centro della piazza.

Oltre alla spazzatura accumulata lungo tutto il perimetro della cabina ed ai cassonetti sempre stracolmi di rifiuti di ogni tipo, pericolosissimi in caso d’incendio, vista la vicinanza agli impianti elettrici contenuti nel manufatto, abbiamo notato la presenza di una specie di sgabuzzino chiuso da un lucchetto, presumibilmente abusivo, addossato alla cabina stessa” concludono dall’associazione.

 

LEGGI ANCHE:

Rap, Norata: “Riconsegneremo i quartieri di Palermo puliti ai cittadini” | Video intervista

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.