Delitto Agostino, dopo 31 anni via all'udienza preliminare | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

il padre Vincenzo, emozionato, fa il segno della vittoria

Delitto Agostino, dopo 31 anni via all’udienza preliminare | VIDEO

di
10 Settembre 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Dopo 31 anni di lotta e ricerca della verità, il signor Vincenzo Agostino ha trattenuto a stento le lacrime per l’emozione, uscendo oggi dall’aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo dove si è tenuta l’udienza preliminare per la richiesta di rinvio a giudizio formulata dalla Procura Generale di Palermo, relativamente al delitto del 5 agosto 1989 in cui morì il figlio Nino Agostino e la nuora Ida Castelluccio, incinta di 5 mesi.

Indagati per quel duplice omicidio i due boss Antonino Madonia e Gaetano Scotto; mentre Francesco Paolo Rizzuto, amico del poliziotto (all’epoca dei fatti aveva solo 15 anni) è accusato di favoreggiamento aggravato.

Un delitto rimasto nel mistero da 31 anni. Il poliziotto Agostino, secondo alcune ricostruzioni, riuscì a sventare l’attentato dell’Addaura ai danni del giudice Falcone, ma fu ucciso a Villagrazia di Carini pochi mesi dopo. Da quel giorno Vincenzo Agostino, non si è più tagliato la barba come forma di protesta contro la mancanza di verità e giustizia.

Oggi l’emozione era tanta: Vincenzo Agostino però ha alzato una mano facendo il segno della vittoria. 

Vincenzo Agostino

La sua speranza di ottenere giustizia non è mai tramontata: «Dopo 31 anni, oggi ho riprovato una grande emozione insieme ai miei figli, ai miei nipoti e a tutti voi – ha detto il padre dell’agente ucciso – Ora la prossima udienza è fissata per il 18 settembre. Vi ringrazio tutti e mi auguro che lo Stato questa volta faccia giustizia e verità, quella giustizia e quella verità che aspettiamo da 31 anni. Ho ancora speranza perché ho sempre detto che lo Stato siamo noi e noi dobbiamo cercare la verità e la giustizia per vincere quei malfattori, quei venduti che sono nello Stato. Finalmente ci sono dei magistrati che non hanno avuto paura. È molto strano sapere che fra gli indagati c’è quello che era un amico di mio figlio (Rizzuto, ndr). Ma il suo atteggiamento e quello del padre sono stati molto strani e sono ancora da spiegare». 

Una “coltre di silenzi” durata 31 anni e “causata dai tanti e tanti depistaggi”, conclude.

Vincenzo Agostino e avv. Fabio Repici
Vincenzo Agostino e l’Avv. Fabio Repici

Per l’avvocato Fabio Repici, legale di parte civile della famiglia Agostino, Nino Agostino rimase incastrato tra gli “ibridi connubi fra Cosa nostra e alcuni settori degli apparati di polizia e dell’intelligence proprio per il suo lavoro di poliziotto”.

 Il legale oggi si dice “ottimista” per le richieste di rinvio a giudizio. “Nel 2016, vista la richiesta di archiviazione, ritenemmo che la cosa più appropriata fosse rivolgersi alla Procura generale e chiedere formalmente un’avocazione. Fu una valutazione corretta, perché la procura generale ha svolto un gran lavoro, come un gran lavoro ha svolto la polizia giudiziaria e il centro DIA di Palermo portando ulteriori elementi che, a mio parere, corroborano in maniera incontrovertibile le prove della responsabilità di Nino Madonia e Gaetano Scotto quali mandanti e esecutori materiali del delitto”.

E su Rizzuto dice: “Sono convinto della solidità delle intercettazioni raccolte”.

Presenti oggi per far sentire il proprio sostegno a Vincenzo Agostino, alcuni familiari vittime di mafia come Graziella Accetta, mamma del piccolo Claudio Domino, Scorta Civica e anche Antonio Vullo, l’agente di scorta sopravvissuto alla strage di via D’Amelio.

 

LEGGI ANCHE:

ESCLUSIVO | “Un amico lo tradì”. Dopo 31 anni ecco le prove del Delitto Agostino

ESCLUSIVO | L’avvocato Repici: “Nino Agostino venduto da Servizi doppiogiochisti, collusi con la mafia”

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.