Delitto Agostino: ecco le parti civili accolte. La famiglia attende verità da 31 anni :ilSicilia.it
Palermo

Prossima udienza il 15 ottobre

Delitto Agostino: ecco le parti civili accolte. La famiglia attende verità da 31 anni

di
18 Settembre 2020

Il gup di Palermo, Alfredo Montalto, ha ammesso la richiesta di costituzione di parte civile del Ministero degli interni, della Presidenza del Consiglio dei ministri, della Regione Siciliana, del Comune di Palermo nel procedimento penale per l’omicidio del poliziotto Nino Agostino e della moglie Ida Castellucio, incinta di 5 mesi. Ammessi inoltre il Centro Pio La Torre e Libera.

Il gup ha accolto l’istanza dei familiari di Nino Agostino – il poliziotto ucciso il 5 agosto 1989 assieme alla moglie – tra cui il padre Vincenzo, presente in udienza, difeso da Fabio Repici, che si celebra nell’aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo. Escluse altre istanze tra cui quelle di alcuni nipoti.

L’accusa – rappresentata dai sostituti pg Umberto De Giglio e Nico Gozzo – ha comunicato il deposito di ulteriore attività integrativa di indagine.

Imputati, 31 anni dopo i fatti, con l’accusa di duplice omicidio i boss Nino Madonia e Gaetano Scotto e Francesco Paolo Rizzuto, amico del poliziotto assassinato, a cui l’accusa contesta il favoreggiamento aggravato. L’udienza è stata rinviata al 15 ottobre per interloquire sulle richieste della procura generale e delle parti civili, poi il gup scioglierà la riserva.

Nino AgostinoLa Regione Siciliana ha deciso di procedere alla costituzione di parte civile perché “l’efferatezza dei fatti criminosi effettuati con metodo mafioso hanno certamente arrecato danno anche all’immagine della terra siciliana e quindi della Regione. Ma è anche un atto di doveroso omaggio – precisa Musumeci – alla memoria di due vittime innocenti, la cui uccisione, dopo oltre trent’anni, è ancora avvolta nel mistero”.

Soddisfatto il Comune di Palermo, che è stato ammesso tra le parti civili nonostante alcune eccezioni presentate dalle difese, tra cui quella relativa al territorio dove è stato commesso il duplice omicidio diverso da Palermo. “Ho appreso con molta soddisfazione – ha detto il sindaco Orlando – dell’ammissione del Comune di Palermo come parte civile. Con questo atto continua la nostra battaglia a fianco della famiglia e che accomuna tutti i siciliani che vogliono verità su quell’orribile atto di mafia”.

 

 

LEGGI ANCHE:

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.