28 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 15.26
Palermo

Il giallo a Palermo

Delitto Fragalà, in aula il dolore della figlia in lacrime: “Era ritenuto avvocato sbirro”

26 Ottobre 2017

Si commuove al ricordo del padre, anche se la sua deposizione dura solo pochi minuti. Le parti, pm e legali degli imputati, decidono di acquisire le dichiarazioni rese in fase di indagine da Marzia Fragalà, figlia del penalista assassinato a Palermo a febbraio del 2010. “E’ una forma di rispetto per la figlia del collega”, dice uno dei difensori degli imputati: sei mafiosi sotto processo davanti alla corte d’assise di Palermo con l’accusa di omicidio aggravato.

Scena del delitto - FragalàE Marzia Fragalà, che ricorda in lacrime quando giurò da avvocato ma il padre non poté essere presente, racconta ai giudici anche un episodio che confermerebbe la tesi dell’accusa secondo la quale il legale Enzo Fragalà fu aggredito brutalmente dai sicari di Cosa nostra perché ritenuto “colpevole” di indurre i suoi assistiti a collaborare alle indagini. «Dopo il delitto – ha detto deponendo – un cliente di papà, Onofrio Prestigiacomo, durante un colloquio, mi disse che mio padre era definito “avvocato sbirro».

E la tesi delle pm Caterina Malagoli e Francesca Mazzocco viene ribadita anche dalla deposizione di una collega di studio di Fragalà, l’avvocato Loredana Lo Cascio che ricorda in aula la vicenda che vede protagonisti due favoreggiatori del boss Nino Rotolo, uno dei quali assistito proprio da Fragalà. Quando il penalista scoprì, attraverso indagini difensive, che il cliente gli aveva mentito, usò nella difesa una lettera della moglie del capomafia da cui si evinceva il ruolo di prestanome di beni mafiosi che l’imputato aveva svolto per conto della donna e del marito.

I legali degli imputati, Francesco Arcuri e Antonino Siragusa, Salvatore Ingrassia, Antonino Abbate, Paolo Cocco e Francesco Castronovo, hanno domandato alla teste particolari su una effrazione nel garage della vittima prima del delitto, garage in cui erano contenuti archivi della cause dell’attività politica svolta da Fragalà e di un episodio di richiesta di pizzo che il penalista subì allo studio. Le difese mirano a introdurre scenari e moventi del delitto differenti rispetto a quelli prospettati dall’accusa.

Durante l’esame di uno dei testimoni oculari dell’aggressione – Fragalà fu massacrato a bastonate a pochi metri dallo studio, dietro al tribunale di Palermo, il boss Antonino Abbate, che aveva contestato la decisione del presidente della corte, Sergio Gulotta, di non ammettere le domande di alcuni legali alla teste, è stato duramente bacchettato dal giudice. Il processo è stato rinviato al 9 novembre.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Decidere in quale corteo sfilare

Il 19 Luglio ci rammenterà che cosa significa essere servitore dello Stato anche quando questo sembra dimenticarsi di te. Grande ammirazione per un comandante che fa il suo dovere e va avanti per il suo credo nella sua rotta.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.