Democrazia diretta e indiretta | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Democrazia diretta e indiretta

di
24 Settembre 2020

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.

Ma quale è la differenza tra democrazia diretta e democrazia indiretta? Nella democrazia diretta il cittadino assume un ruolo fondamentale perché ha il diritto di intervenire e comunque di prendere parte al processo decisionale. Nella democrazia indiretta, di contro, il cittadino sceglie il proprio rappresentante il quale parteciperà all’amministrazione del governo e agirà per suo conto. Nel primo caso quindi il cittadino entra a far parte delle scelte decisionali del governo mentre nel caso della democrazia indiretta la gente vota per un soggetto che dovrà rappresentarla in Parlamento.

Nella democrazia diretta, chiamata anche democrazia partecipativa, il cittadino svolge quindi un ruolo determinante per ciò che riguarda le decisioni relative alle leggi e alle politiche del governo. La Svizzera ad esempio è uno dei paesi in cui la democrazia diretta è prevalente. In questo paese è, infatti, ammissibile in via ordinaria e non straordinaria la richiesta dei cittadini di votare su questioni pubbliche.

Così, a differenza di quanto avviene in Italia, per referendum s’intende soprattutto una qualunque procedura di abrogazione di una legge vigente su proposta di sole cinquantamila firme in cento giorni, anche in materia di trattati internazionali, caso che è escluso in Italia. Nel nostro paese, peraltro, la Costituzione prevede alcune forme di democrazia diretta che riguardano sia tutta la popolazione nazionale, sia specifici cittadini interessati a determinate questioni.

La nostra Costituzione prevede, infatti, l’iniziativa legislativa popolare, il referendum abrogativo di una legge ordinaria, il referendum costituzionale, i referendum territoriali. Una forma di democrazia diretta è quella che si suole definire democrazia digitale. Con tale espressione si fa riferimento all’utilizzo di strumenti digitali e tecnologici al fine di aumentare la partecipazione politica dei cittadini alle decisioni che li riguardano con lo scopo di avvicinarsi il più possibile ai loro interessi e bisogni. Non può però sottacersi che la democrazia digitale presenta dei rischi e degli aspetti di criticità.

Un tale sistema, infatti, è da ritenere assolutamente inadeguato quando si tratti di adottare decisioni complesse poiché non tutti i cittadini hanno la necessaria competenza che si richiede per la redazione di un testo legislativo non inerente a un’area di loro interesse e di cui non abbiano conoscenze adeguate. E ciò senza considerare la nota vulnerabilità dei sistemi informatici utilizzati che potrebbe comportare una manipolazione dei voti e una violazione della segretezza del diritto di voto, il che potrebbe mettere in dubbio la veridicità dei risultati ottenuti. In proposito un recente provvedimento del Garante della Privacy (n. 83 del 4 aprile 2019) ha rilevato una carenza delle misure di sicurezza applicate al sistema informatico di una piattaforma di democrazia diretta, che avrebbero potuto mettere a rischio la riservatezza dei voti espressi dagli utenti.

La democrazia indiretta chiamata anche democrazia rappresentativa, implica una limitazione per quanto riguarda l’adozione delle decisioni importanti e la determinazione delle politiche del governo. In questo sistema il politico che viene eletto da ogni collegio elettorale rappresenta le persone che hanno votato per lui in Parlamento. In altri termini nella democrazia rappresentativa il cittadino che ha diritto al voto, può eleggere i propri rappresentanti in parlamento o negli enti locali, delegando in tal modo a questi ultimi il potere di fare e approvare le leggi. In conclusione se è pur vero che la democrazia diretta è una democrazia chiara, essa, a prescindere dai rischi di cui si è detto, è da ritenere appropriata per i paesi in cui vi sia una dimensione della popolazione limitata ma non può trovare attuazione in un paese con grandi dimensioni di popolazione e dove una decisione deve essere presa da milioni di persone. Non vi è dubbio quindi che la democrazia rappresentativa o indiretta supera gli svantaggi della democrazia diretta ed è certamente preferibile a quest’ultima.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Politica
di Elio Sanfilippo

Sindaci e Imprese insieme per rilanciare la Sicilia

A chi continua a lamentarsi che la Sicilia non ha più voce in capitolo nelle scelte del governo nazionale, come dimostra la vicenda della nomina dei ministri e dei sottosegretari, ribadiamo che non ha più voce perché non ha più una testa, una guida, una classe dirigente autorevole dotata di una visione e di un progetto politico.
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin