Democrazia diretta e indiretta | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Democrazia diretta e indiretta

di
24 Settembre 2020

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.

Ma quale è la differenza tra democrazia diretta e democrazia indiretta? Nella democrazia diretta il cittadino assume un ruolo fondamentale perché ha il diritto di intervenire e comunque di prendere parte al processo decisionale. Nella democrazia indiretta, di contro, il cittadino sceglie il proprio rappresentante il quale parteciperà all’amministrazione del governo e agirà per suo conto. Nel primo caso quindi il cittadino entra a far parte delle scelte decisionali del governo mentre nel caso della democrazia indiretta la gente vota per un soggetto che dovrà rappresentarla in Parlamento.

Nella democrazia diretta, chiamata anche democrazia partecipativa, il cittadino svolge quindi un ruolo determinante per ciò che riguarda le decisioni relative alle leggi e alle politiche del governo. La Svizzera ad esempio è uno dei paesi in cui la democrazia diretta è prevalente. In questo paese è, infatti, ammissibile in via ordinaria e non straordinaria la richiesta dei cittadini di votare su questioni pubbliche.

Così, a differenza di quanto avviene in Italia, per referendum s’intende soprattutto una qualunque procedura di abrogazione di una legge vigente su proposta di sole cinquantamila firme in cento giorni, anche in materia di trattati internazionali, caso che è escluso in Italia. Nel nostro paese, peraltro, la Costituzione prevede alcune forme di democrazia diretta che riguardano sia tutta la popolazione nazionale, sia specifici cittadini interessati a determinate questioni.

La nostra Costituzione prevede, infatti, l’iniziativa legislativa popolare, il referendum abrogativo di una legge ordinaria, il referendum costituzionale, i referendum territoriali. Una forma di democrazia diretta è quella che si suole definire democrazia digitale. Con tale espressione si fa riferimento all’utilizzo di strumenti digitali e tecnologici al fine di aumentare la partecipazione politica dei cittadini alle decisioni che li riguardano con lo scopo di avvicinarsi il più possibile ai loro interessi e bisogni. Non può però sottacersi che la democrazia digitale presenta dei rischi e degli aspetti di criticità.

Un tale sistema, infatti, è da ritenere assolutamente inadeguato quando si tratti di adottare decisioni complesse poiché non tutti i cittadini hanno la necessaria competenza che si richiede per la redazione di un testo legislativo non inerente a un’area di loro interesse e di cui non abbiano conoscenze adeguate. E ciò senza considerare la nota vulnerabilità dei sistemi informatici utilizzati che potrebbe comportare una manipolazione dei voti e una violazione della segretezza del diritto di voto, il che potrebbe mettere in dubbio la veridicità dei risultati ottenuti. In proposito un recente provvedimento del Garante della Privacy (n. 83 del 4 aprile 2019) ha rilevato una carenza delle misure di sicurezza applicate al sistema informatico di una piattaforma di democrazia diretta, che avrebbero potuto mettere a rischio la riservatezza dei voti espressi dagli utenti.

La democrazia indiretta chiamata anche democrazia rappresentativa, implica una limitazione per quanto riguarda l’adozione delle decisioni importanti e la determinazione delle politiche del governo. In questo sistema il politico che viene eletto da ogni collegio elettorale rappresenta le persone che hanno votato per lui in Parlamento. In altri termini nella democrazia rappresentativa il cittadino che ha diritto al voto, può eleggere i propri rappresentanti in parlamento o negli enti locali, delegando in tal modo a questi ultimi il potere di fare e approvare le leggi. In conclusione se è pur vero che la democrazia diretta è una democrazia chiara, essa, a prescindere dai rischi di cui si è detto, è da ritenere appropriata per i paesi in cui vi sia una dimensione della popolazione limitata ma non può trovare attuazione in un paese con grandi dimensioni di popolazione e dove una decisione deve essere presa da milioni di persone. Non vi è dubbio quindi che la democrazia rappresentativa o indiretta supera gli svantaggi della democrazia diretta ed è certamente preferibile a quest’ultima.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.