Denise, commissione Parlamentare d'inchiesta. La madre: "Ora lo Stato c'è, fare luce su verità" :ilSicilia.it
Trapani

LA SVOLTA

Denise, commissione Parlamentare d’inchiesta. La madre: “Ora lo Stato c’è, fare luce su verità”

di
27 Maggio 2021

“Oggi posso dire che lo Stato finalmente c’è e si sta occupando di questa vicenda in modo concreto e preciso. Spero che questa commissione d’inchiesta venga accolta da tutti i gruppi parlamentari, non c’è dietro una bandiera politica. Denise è la bambina di tutti gli italiani e le è stata tolta l’identità”.

Queste le parole di Piera Maggio, la madre di Denise Pipitone, in conferenza stampa durante la presentazione della Commissione parlamentare d’inchiesta promossa dal Partito Democratico per far luce sulla misteriosa scomparsa della bambina a Mazara del Vallo avvenuta diciassette anni fa.

“Ringrazio l’onorevole Morani per avere colto questo mio grido di madre sofferente e l’onorevole Miceli per aver dato voce a quello che in diciassette anni è stato il mio calvario – aggiunge la madre di Denise -. Non sappiamo dove la mia piccola sia stata portata, da diciassette anni lottiamo ancora per lei cercando di trovarla e facendo sì che si faccia luce sulla vicenda. Denise non è scomparsa da sola, non l’hanno portata via gli alieni. L’ha presa una mano vigliacca e portata via dal nostro affetto”.

Piera Maggio sottolinea gli errori compiuti nel corso delle difficoltose indagini: “Avete visto come sono andate le indagini, avete potuto constatare quella che era la nostra disperazione. Voglio ringraziare i media che hanno contribuito a far sì che questo tam tam non finisse in questi anni. Noi abbiamo cercato di portare avanti una verità e soprattutto una giustizia. Si sono avvicendati 11 magistrati diversi, ognuno prendeva i suoi fascicoli e li chiudeva lì. Quello nuovo arrivava e non conosceva i fatti. Vogliamo la verità – conclude – non abbiamo mai smesso di cercare nostra figlia. Chiediamo allo Stato di far luce e di capire se si poteva fare molto di più”.

Carmelo Miceli
Carmelo Miceli

LA PROPOSTA DI LEGGE

Il Partito Democratico presenta la proposta di legge per l’istituzione di una Commissione parlamentare d’inchiesta. Ne hanno illustrato le peculiarità nel corso di una conferenza stampa alla Camera, con l’auspicio che anche gli altri gruppi parlamentari possano unirsi in maniera univoca nel nome della giustizia e della verità per un caso che da diciassette anni tiene l’Italia col fiato sospeso.

Lunedì è stato depositato il progetto di legge e si attendono adesso i successivi step istituzionali, che verrebbero accelerati in caso di iscrizione di tutte le forze politiche di maggioranza e opposizione. “Manca ancora una verità fattuale e processuale, ci sono troppi misteri e gravi incongruenze – sottolinea la deputata del PD Alessia Morani -. C’è stato più di un depistaggio, un inquinamento di prove e delle false testimonianze. Mi prendo la responsabilità delle cose che dico. Denise è figlia di tutti noi, Piera Maggio è una donna che vuole verità e in questo mi ricorda Ilaria Cucchi. Non si è mai arresa all’abbandono delle istituzioni e questa Commissione d’inchiesta è un messaggio forte di vicinanza”.

A scendere nei dettagli è il deputato del PD Carmelo Miceli“Abbiamo il dovere morale di provare a rivedere quanto accaduto e cosa non è funzionato. Non è ammissibile che una bambina sparisca nel nulla e che non ci siano spiegazioni e verità, specie in una terra complicata come quella siciliana. Intendiamo far luce nel pieno esercizio di diritti e doveri dei parlamentari e farlo in un ramo della camera che raccoglie questo grido di dolore affinché’ la commissione nascesse”.

 

 

LEGGI ANCHE:

Denise, l’ex pm in tv: “Dovevamo mettere cimice ma eravamo seguiti” | VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin