Denise: ex pm Angioni denuncia colleghi Marsala al Csm :ilSicilia.it

IL CASO

Denise: ex pm Angioni denuncia colleghi Marsala al Csm

di
23 Giugno 2021

“Poiché, come avevo previsto, la notizia del mio interrogatorio di garanzia è uscita immediatamente dopo l’attività svolta presso la Procura della Repubblica di Marsala (e in previsione di ciò ho subito postato le belle foto di Marsala, appena varcata la soglia di quegli uffici), per tranquillizzare gli amici spiego: dei diversi episodi di depistaggio e fastidio alle indagini di cui ho parlato in tv tra la fine di aprile 2021 e gli inizi di maggio, e che ho confermato in Procura sentita a sommarie informazioni testimoniali il 3.5.2021, la Procura in sostanza mi ha contestato che di due di essi mancherebbe la prova documentale”.

E’ quanto scrive sul suo profilo Facebook l’ex pm della Procura di Marsala Maria Angioni, uno dei primi magistrati ad indagare sul sequestro della piccola Denise Pipitone e adesso giudice del lavoro a Sassari, in relazione all’avviso di garanzia ricevuto dalla Procura di Marsala con l’ipotesi di reato di false dichiarazioni al pm.

“Ho svolto col mio avvocato, l’onorevole Stefano Pellegrino, una difesa tecnica – aggiunge la Angioni – Nel frattempo, già il 13.5.2021 e poi il 19.6.2021, ho inviato due esposti al Csm. Esposti presentati contro i suoi colleghi della Procura di Marsala il cui contenuto la Angioni non ha rivelato.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin