Denise Pipitone, la Procura di Marsala torna a indagare sulla bambina scomparsa :ilSicilia.it
Trapani

la decisione

Denise Pipitone, la Procura di Marsala torna a indagare sulla bambina scomparsa

di
3 Maggio 2021

La Procura di Marsala torna a indagare sul caso di Denise Pipitone, la bambina sparita da Mazara del Vallo l’1 settembre nel 2004. Nei giorni scorsi si sono susseguiti numerosi colpi di scena su un giallo mai risolto: dalla trasmissione della tv russa che ha sostenuto di aver rintracciato la piccola, alle rivelazioni dell’ex pm Maria Angioni che all’epoca indago’ sul caso.

I magistrati stanno cercando di capire se ci sono stati depistaggi o errori nell’inchiesta.

Il primo atto che hanno deciso di compiere è stato l’interrogatorio di una collega, l’ex pm di Marsala Maria Angioni, ora giudice a Sassari, protagonista nell’ultimo mese di clamorose esternazioni su un giallo che sembra non avere soluzione: quello della scomparsa della piccola Denise Pipitone, la bambina sparita nel nulla a Mazara del Vallo l’1 settembre del 2004. La Procura di Marsala che è tornata a indagare sul caso ha sentito come persona informata sui fatti la Angioni, che all’epoca della scomparsa era in servizio proprio nella cittadina del trapanese e svolse i primi accertamenti. Lo scopo è fare luce su eventuali depistaggi e falle in una inchiesta andata avanti per anni. La scelta di ascoltare il magistrato nasce dalle gravi affermazioni che la donna ha fatto nel corso di diverse trasmissioni televisive. Angioni ha infatti stigmatizzato la mancanza di collaborazione dei testimoni e, soprattutto, ha usato parole molto dure nei confronti degli investigatori ai quali ,dopo la scomparsa di Denise, vennero delegate le indagini.

“Abbiamo avuto grossi problemi. Abbiamo capito che dopo tre giorni tutte le persone sottoposte a intercettazioni già sapevano di essere sotto controllo. A un certo punto, quando ho avuto la direzione delle indagini, ho fatto finta di smettere di intercettare e poi ho ripreso da capo con forze di polizia diverse, nel disperato tentativo di salvare il salvabile“, ha rivelato. E’ l’ennesimo colpo di scena di una storia complicata che, un mese fa, era arrivata persino in Russia, dove una emittente televisiva, Tv1, ha presentato in studio, ipotizzando che potesse essere Denise, una giovane, Olesya Rostova, in cerca i genitori. L’esame del gruppo sanguigno della ragazza, però, ha smontato l’ennesima falsa pista rivelando che non c’è alcuna corrispondenza con quello della bambina scomparsa. Tra polemiche e accuse di tv trash, tensioni tra il conduttore e il legale della famiglia Pipitone, Giacomo Frazzitta, si è chiuso anche quest’ultimo capitolo della interminabile e drammatica storia della bimba di Mazara. A 17 anni dalla scomparsa, dopo innumerevoli segnalazioni, un processo alla sorellastra di Denise accusata del rapimento e assolta, le dichiarazioni di un presunto pentito che ha parlato anche con diversi particolari dell’omicidio della bambina, la vicenda di Denise tiene ancora tutti col fiato sospeso.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin