Depistaggi in via D'Amelio, Csm vuole archiviare esposto di Fiammetta Borsellino :ilSicilia.it
Palermo

Ombre sulla gestione del falso pentito Scarantino

Depistaggi in via D’Amelio, Csm vuole archiviare esposto di Fiammetta Borsellino

di
13 Febbraio 2019

La Prima del Commissione del Csm è orientata ad archiviare la pratica che era stata aperta nella consiliatura precedente sulla base dell’esposto di Fiammetta Borsellino sui depistaggi nelle indagini sulla strage in cui persero la vita suo padre Paolo e gli agenti di scorta.

In particolare la figlia del magistrato ucciso in via D’Amelio aveva chiesto di far luce sulle “disattenzioni” che ci sarebbero state sulle dichiarazioni del falso pentito Vincenzo Scarantino. Il voto con l’approvazione delle motivazioni della proposta è previsto per l’inizio di marzo.

A quanto si è appreso, la scelta di chiudere il caso sarebbe condivisa da tutta la Commissione. E sarebbe determinata dal troppo tempo trascorso che toglierebbe ogni efficacia all’unico strumento di intervento del Csm, il trasferimento d’ufficio per incompatibilità dei magistrati, visto che le toghe ipoteticamente coinvolte o non ci sono più o sono passate ad altre sedi o incarichi.

Non saranno dunque ascoltati i magistrati che si erano occupati delle dichiarazioni di Scarantino, Fausto Cardella, Francesco Paolo Giordano, Roberto Saieva e Ilda Boccassini, come aveva deciso invece il precedente Csm, il cui unico atto istruttorio era stata l’audizione del pm Nino Di Matteo, oltre che l’acquisizione delle motivazioni della sentenza del Borsellino quater.

 

LEGGI ANCHE:

Depistaggio di via D’Amelio, Fava: “È certo che il Sisde deviò le indagini sulla strage” | Video interviste

Esclusiva ilSicilia.it, Fiammetta Borsellino: “Mio padre subì tradimenti a tutti i livelli” | Video intervista

L’urlo di Fiammetta Borsellino: “Basta parate il 19 luglio, il Csm apra indagini su Ayala e altri”

Depistaggio via D’Amelio: udienza per i 3 poliziotti sotto accusa. Fiammetta Borsellino: “Non hanno agito da soli”

Fiammetta Borsellino non si ferma e rilancia: “Ecco le responsabilità di Di Matteo e degli altri pm” | AUDIO

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin