Depistaggio Borsellino: ecco le telefonate shock di Scarantino ai pm :ilSicilia.it
Palermo

LE INTERCETTAZIONI INEDITE

Depistaggio Borsellino: ecco le telefonate shock di Scarantino ai pm

di
5 Dicembre 2019

Sono state depositate a Caltanissetta le intercettazioni che secondo l’accusa dimostrerebbero la costruzione a tavolino del falso pentito Vincenzo Scarantino, e quindi il depistaggio sulle indagini relative alla strage di via D’Amelio.

Nelle bobine, rimaste fino a oggi misteriose, le registrazioni inedite dei colloqui tra Scarantino e i pm dell’epoca, Carmelo Petralia e Anna Maria Palma, indagati a Messina con l’accusa di calunnia aggravata.

In una telefonata Petralia dice: “Scarantino, iniziamo un lavoro importantissimo che è quello della sua preparazione alla deposizione al dibattimento… mi sono spiegato, Vincenzo… si sente pronto lei?…”. E’ l’8 maggio del 1995 e il pm Carmelo Petralia, che all’epoca coordinava l’inchiesta sulla strage di via D’Amelio, parla al telefono con l’ex ‘picciotto’ della Guadagna.

Palma e Petralia
I pm Palma e Petralia (Frame TGR Sicilia)

Sono parole pesanti “Preparazione alla deposizione al dibattimento”. Cosa vogliono dire?

Le intercettazioni sono in 19 bobine ritrovate dopo 24 anni al palazzo di giustizia di Caltanissetta e riversate dal nastro magnetico a un supporto DVD digitale. Scarantino, ci dobbiamo tenere molto forti perché siamo alla vigilia della deposizione”, dice ancora Petralia.

Nella conversazione intercettata e trascritta dagli uomini del Ros di Messina, Petralia dice ancora a Scarantino: “Sicuramente ci sarà anche il dottor Tinebra – gli dice riferendosi all’allora procuratore di Caltanissetta – quindi tutto lo staff delle persone che lei conosce. E lei potrà parlare con Tinebra, con La Barbera di tutti i suoi problemi, così li affrontiamo in modo completo”, riporta l’agenzia Adnkronos.

Scarantino parlava anche con la pm Palma: “E’ importante che lei faccia questo interrogatorio…”, dice la PalmaAddirittura la pm fece una sorta di mini interrogatorio al telefono con Scarantino, anticipandogli una domanda che gli avrebbe poi fatto in via ufficiale.

Mario Bo
Mario Bo

Misteri ancora tutti da chiarire.

Intanto a Caltanissetta sono sotto processo tre poliziotti del “Gruppo Falcone Borsellino”: gli ex ispettori Fabrizio Mattei, Michele Ribaudo e il dirigente Mario Bò.

Chi c’è dietro la regia di quello che è stato definito dalle sentenze come “il più grave depistaggio della storia giudiziaria italiana”?

 

 

 

LEGGI ANCHE:

“Un amico mi ha tradito”, il pianto di Borsellino e le nuove indagini sul depistaggio

I buchi neri della Strage di via D’Amelio: ecco i misteri irrisolti

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.