Depistaggio Borsellino, il pm indagato Petralia: "Sconvolto da macelleria mediatica" :ilSicilia.it
Palermo

E attacca: "Famiglia Borsellino fu assente, solo Rita collaborò"

Depistaggio Borsellino, il pm indagato Petralia: “Sconvolto da macelleria mediatica”

di
15 Giugno 2019

Non ci sta a passare per depistatore o traditore di Borsellino. Il procuratore aggiunto di Catania, Carmelo Petralia (68 anni) – in un’intervista al quotidiano La Sicilia sull’avviso di garanzia emesso, per lui e il magistrato Anna Maria Palma, dalla Procura di Messina per concorso in calunnia aggravata dall’avere favorito Cosa nostra nell’ambito dell’inchiesta sul depistaggio sull’attentato di via D’Amelio al giudice Paolo Borsellino e alla sua scorta – si difende così: “Ogni Procura ha l’obbligo di attivare un’indagine quando le perviene una notizia di reato”, ma sono sconvolto e amaramente colpito sul piano umano e familiare sulla gestione mediatica della notizia”. Così

Petralia parla di ‘macelleria mediatica’ a buon mercato di cui, in concreto solo io e la collega Palma siamo rimasti vittime”. Eppure della “‘gestione’ della collaborazione di Scarantino si occupava un pool di magistrati molto più ampio” e “il dato conosciuto e amplificato dai media manca di molti nominativi e mi chiedo ancora perché”.

Poi l’attacco: Dalla famiglia Borsellino l’unico vero contributo, ampio, sincero e incondizionato di collaborazione, anche alla conoscenza dei fatti e alle indagini in senso stretto, è venuto dalla signora Rita, la sorella di Paolo, e dalla sua famiglia, i signori Fiore. Tutto il resto della famiglia Borsellino è stato assolutamente assente“.

“A Caltanissetta, nel 1992 – ricorda Petralia – si partiva da zero. È facile oggi denigrare, offendere e avanzare sospetti. Chi arriva per ultimo sa sempre molto di più di chi è arrivato prima e soprattutto di chi è arrivato per primo. Ma ciò non lo autorizza a gettare fango e ad avanzare accuse di collusioni“.

Il riferimento, probabilmente, alle accuse lanciate da Fiammetta Borsellino contro di lui e gli altri pm che gestirono Scarantino.

“Ad ogni verità – sottolinea Petralia – si arriva faticosamente e per gradi. Già nel 1996-98 la ricerca dei cosiddetti ‘mandanti esterni’ mi aveva portato all’iscrizione di Bruno Contrada e poi, ancora, a proporre l’iscrizione di Marcello Dell’ Utri e Silvio Berlusconi per concorso in strage. L’esito di queste indagini – chiosa Petralia – alle quali comunque non partecipai essendo rientrato alla Procura Nazionale, è noto. Ma se sono un depistatore“.

 

LEGGI ANCHE:

Colpo di scena al processo Borsellino, Scarantino ritratta: “Di Matteo e Petralia non c’entrano col depistaggio”

Depistaggio via D’Amelio: udienza per i 3 poliziotti sotto accusa. Fiammetta Borsellino: “Non hanno agito da soli”

Fiammetta Borsellino non si ferma e rilancia: “Ecco le responsabilità di Di Matteo e degli altri pm” | AUDIO

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.