Depistaggio Borsellino, il pm indagato Petralia: "Sconvolto da macelleria mediatica" :ilSicilia.it
Palermo

E attacca: "Famiglia Borsellino fu assente, solo Rita collaborò"

Depistaggio Borsellino, il pm indagato Petralia: “Sconvolto da macelleria mediatica”

di
15 Giugno 2019

Non ci sta a passare per depistatore o traditore di Borsellino. Il procuratore aggiunto di Catania, Carmelo Petralia (68 anni) – in un’intervista al quotidiano La Sicilia sull’avviso di garanzia emesso, per lui e il magistrato Anna Maria Palma, dalla Procura di Messina per concorso in calunnia aggravata dall’avere favorito Cosa nostra nell’ambito dell’inchiesta sul depistaggio sull’attentato di via D’Amelio al giudice Paolo Borsellino e alla sua scorta – si difende così: “Ogni Procura ha l’obbligo di attivare un’indagine quando le perviene una notizia di reato”, ma sono sconvolto e amaramente colpito sul piano umano e familiare sulla gestione mediatica della notizia”. Così

Petralia parla di ‘macelleria mediatica’ a buon mercato di cui, in concreto solo io e la collega Palma siamo rimasti vittime”. Eppure della “‘gestione’ della collaborazione di Scarantino si occupava un pool di magistrati molto più ampio” e “il dato conosciuto e amplificato dai media manca di molti nominativi e mi chiedo ancora perché”.

Poi l’attacco: Dalla famiglia Borsellino l’unico vero contributo, ampio, sincero e incondizionato di collaborazione, anche alla conoscenza dei fatti e alle indagini in senso stretto, è venuto dalla signora Rita, la sorella di Paolo, e dalla sua famiglia, i signori Fiore. Tutto il resto della famiglia Borsellino è stato assolutamente assente“.

“A Caltanissetta, nel 1992 – ricorda Petralia – si partiva da zero. È facile oggi denigrare, offendere e avanzare sospetti. Chi arriva per ultimo sa sempre molto di più di chi è arrivato prima e soprattutto di chi è arrivato per primo. Ma ciò non lo autorizza a gettare fango e ad avanzare accuse di collusioni“.

Il riferimento, probabilmente, alle accuse lanciate da Fiammetta Borsellino contro di lui e gli altri pm che gestirono Scarantino.

“Ad ogni verità – sottolinea Petralia – si arriva faticosamente e per gradi. Già nel 1996-98 la ricerca dei cosiddetti ‘mandanti esterni’ mi aveva portato all’iscrizione di Bruno Contrada e poi, ancora, a proporre l’iscrizione di Marcello Dell’ Utri e Silvio Berlusconi per concorso in strage. L’esito di queste indagini – chiosa Petralia – alle quali comunque non partecipai essendo rientrato alla Procura Nazionale, è noto. Ma se sono un depistatore“.

 

LEGGI ANCHE:

Colpo di scena al processo Borsellino, Scarantino ritratta: “Di Matteo e Petralia non c’entrano col depistaggio”

Depistaggio via D’Amelio: udienza per i 3 poliziotti sotto accusa. Fiammetta Borsellino: “Non hanno agito da soli”

Fiammetta Borsellino non si ferma e rilancia: “Ecco le responsabilità di Di Matteo e degli altri pm” | AUDIO

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Balzebù
di Balzebù

Cancelleri, ma la lista civica non garantisce l’elezione

Il Movimento 5 stelle è ormai un’accozzaglia di correnti. Da un lato Luigi Di Maio, da un altro lato Alessandro Di Battista, da un altro ancora Roberto Fico ed ancora-ancora Paola Taverna. Poi ci sono le sottocorrenti che a loro volta si suddividono in gruppi e sottogruppi. In questo frastagliato mosaico è molto difficile capire dove collocare i pentastellati siciliani, sia quelli eletti al parlamento nazionale che quelli eletti all’Ars.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin