Depistaggio Borsellino: perquisizione a casa del cronista di Repubblica :ilSicilia.it
Palermo

Palazzolo rivelò chiusura indagini

Depistaggio Borsellino: perquisizione a casa del cronista di Repubblica

13 Settembre 2018

Perquisizione a casa del cronista di “RepubblicaSalvo Palazzolo che ha rivelato la chiusura dell’indagine sul depistaggio del pentito Vincenzo Scarantino sulla strage Borsellino.

Su disposizione della Procura di Catania, si legge sul sito di Palermo del quotidiano, è stato sequestrato un telefono cellulare ed è in corso una perquisizione della casa del cronista e un controllo del suo computer personale.

Palazzolo è indagato per rivelazione di notizie dopo l’articolo con il quale a marzo diede atto della chiusura dell’indagine sui poliziotti accusati di avere creato ad arte il pentito Vincenzo Scarantino nell’ambito della strage di via D’Amelio a Palermo.

L’inchiesta, si è appreso, è coordinata dal Procuratore Carmelo Zuccaro e, sebbene sia indagato al momento soltanto Palazzolo, la competenza è radicata a Catania anche per la sola ipotesi che possa essere coinvolto un magistrato di Caltanissetta. Le indagini sono state delegate ai carabinieri della Pg della Procura etnea e a personale specializzato della polizia postale Sicilia Orientale di Catania.

Una svolta sulla strage di via D’Amelio è arrivata pochi mesi fa con due importanti sentenze: quella del Borsellino quater e quella di primo grado sul processo Trattativa. Il colossale depistaggio ci fu.

E ora sono indagati 3 poliziotti che avrebbero indotto Scarantino a fare false dichiarazioni: Mario Bo, Fabrizio Mattei e Michele Ribaudo.

LE REAZIONI

Il gruppo siciliano dell’Unci (Unione Nazionale Cronisti Italiani) esprime solidarietà a Palazzolo: “Ci risiamo – ha detto il vice-presidente nazionale dell’Unci, Leone Zingalesormai il lavoro di cronista comporta queste difficoltà. La libertà di informare sembra un lontano ricordo in Italia. Chiediamo alle autorità competenti di fare chiarezza in tempi brevissimi. Salvo Palazzolo ha semplicemente svolto il proprio compito: ha trovato una notizia e l’ha pubblicata. Denunciamo ancora una volta la limitazione a cui deve fare fronte giornalmente il diritto-dovere di cronaca nel nostro Paese”.

Per il presidente dell’Unci Sicilia, Andrea Tuttoilmondo, “il dovere del cronista è quello di cercare le notizie e di pubblicarle affinchè l’opinione pubblica possa in questo modo formare la propria coscienza critica. Salvo Palazzolo, al quale va la vicinanza del Gruppo siciliano, con il suo lavoro incarna esattamente lo spirito di questo giornalismo al servizio della collettività che va difeso e tutelato”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.