Depistaggio Borsellino, Petralia: "La presenza di Contrada in Procura evocava qualcosa di sinistro" :ilSicilia.it

La deposizione

Depistaggio Borsellino, Petralia: “La presenza di Contrada in Procura evocava qualcosa di sinistro”

di
20 Gennaio 2020

Anche i servizi segreti si occuparono delle indagini sulla strage di via D’Amelio. In particolare venne in ufficio alla Procura un funzionario del Sisde, era Bruno Contrada“. A parlare è il Procuratore aggiunto di Catania Carmelo Petralia che ha deposto al processo sul depistaggio Borsellino.

Petralia che è indagato per calunnia aggravata dalla Procura di Messina, interrogato dal pm Stefano Luciani, ha raccontato del periodo delle indagini dopo la strage di via D’Amelio alla Procura di Caltanissetta. “C’è stato un concorso di contributi incredibile – dice Petralia che all’epoca era distaccato alla Procura di Caltanissetta- e c’era anche la presenza di appartenenti al Sisde, che si concentrava in una venuta di funzionari, tra cui Bruno Contrada. Io lo vidi per la prima volta e mi colpì’ la sua faccia. Poco tempo dopo seppi che venne arrestato“. E ricorda un pranzo all’hotel San Michele con magistrati e funzionari e tra i presenti c’era anche Contrada. Racconta anche di avere saputo che Giovanni Falconenon parlava bene di Contrada“.

Alla domanda se l’allora Procuratore di Caltanissetta Giovanni Tinebra aveva “rapporti diretti” con Contrada Petralia risponde: “Non posso dire che Tinebra li avesse ma il primo contatto era certamente con il procuratore capo”. Però poi dopo che il pm Luciani legge in aula una serie di appuntamenti di Contrada con gli inquirenti nisseno estratti dalla agenda di Contrada, aggiunge: “Il rapporto del Sisde da parte dei magistrati, e ci metto oltre me anche Ilda Boccassini e Fausto Cardella, non c’era. Se questo rapporto c’è stato, come i dati estratti dall’agenda lo attestano, era un rapporto cn il Procuratore capo“, cioè Giovanni Tinebra

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin