Depistaggio Borsellino, Scotti shock: "Mi chiesero di non interferire" :ilSicilia.it
Palermo

l'audizione oggi all'Antimafia regionale

Depistaggio Borsellino, Scotti shock: “Mi chiesero di non interferire”

di
25 Maggio 2021

“Dopo che Falcone venne a Roma a fare il direttore generale degli Affari penali e dopo il decreto con cui riarrestammo tutti i condannati del maxiprocesso arrivarono segnali forti, tramite i Servizi Segreti, che annunciavano una reazione violenta della mafia. Chiesi di essere convocato d’urgenza in Parlamento ma paradossalmente mi si disse che avrei dovuto chiedere scusa per avere creato tensione. Io ribadii la serietà dei segnali che avevamo ricevuto e misi comunque tutti i questori e i prefetti in massima allerta”.

Lo ha raccontato Vincenzo Scotti, ex ministro dell’Interno, alla Commissione regionale Antimafia che ha aperto una inchiesta sul depistaggio delle indagini sulla strage di Via D’Amelio.

“Anche parte del mondo giudiziario e investigativo reagì come se avessimo esagerato. – ha aggiunto – In sostanza a quel punto io chiesi: vogliamo conviverci con la mafia o le facciamo la guerra?” 

Scotti ha anche raccontato che dopo il suo passaggio al ministero degli Esteri – al suo posto al Viminale fu nominato Nicola Mancino – il suo capo di gabinetto gli disse che gli era stato chiesto di riferirgli di non interferire più in questioni legate alla mafia. Lui, però, non avrebbe chiesto da chi fosse venuto il suggerimento.

“Non seppi che il Sisde aveva ricevuto la delega operativa sulle indagini”, ha precisato Scotti.

Vullo + scorta via D'Amelio
Foto © G.G.

VULLO: “A UN PASSO DA VERITÀ SI MESCOLANO LE CARTE”

“Quando si arriva a un passo dalla verità capita che si torna indietro e le carte tornano a mescolarsi. Speriamo non accada anche questa volta. Borsellino merita la verità. Lo ha detto Antonino Vullo, poliziotto unico sopravvissuto alla strage di via D’Amelio, sentito dalla commissione regionale Antimafia che indaga sul depistaggio delle indagini sulla strage, dopo le dichiarazioni del killer catanese Avola che ha fornito particolari nuovi sull’eccidio.

La Procura di Caltanissetta ha contestato l’attendibilità del dichiarante. Vullo ha ricostruito gli ultimi istanti prima dell’esplosione che uccise il magistrato e la scorta. “Con un’auto impiegata per la bonifica e i cani dell’unità cinofila forse la strage si sarebbe potuta evitare”, ha detto.

Vullo ha ricordato gli attimi in cui il magistrato scese dalla macchina per citofonare al portone della madre in via D’Amelio.Lo sportello dell’auto era chiuso – ha raccontato – Borsellino non ha preso nulla con sè. Ha pigiato il citofono ma siccome il portone rimaneva chiuso è sceso dal marciapiede ed è rimasto circondato dagli agenti”. Secondo Vullo qualcosa nella pianificazione inizialmente sarebbe andata storta perché l’esplosione, che poteva essere innescata proprio quando Borsellino e i suoi erano immobili in attesa che si aprisse il portone, ebbe un ritardo.

L’agente di scorta, infine, ha detto che certamente il magistrato non aveva con sé l’agenda rossa dopo essere sceso dalla macchina.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin