Depistaggio di via D'Amelio, Fava: "È certo che il Sisde deviò le indagini sulla strage" | Video interviste :ilSicilia.it

la relazione della commissione regionale antimafia

Depistaggio di via D’Amelio, Fava: “È certo che il Sisde deviò le indagini sulla strage” | Video interviste

di
19 Dicembre 2018

Guarda il video in alto 

È certo il ruolo che il Sisde ebbe nell’immediata manomissione del luogo dell’esplosione e nell’altrettanto immediata incursione nelle indagini della Procura di Caltanissetta, procurando le prime note investigative che contribuiranno a orientare le ricerche della verità in una direzione sbagliata“. La commissione regionale Antimafia, presieduta da Claudio Fava, mette nero su bianco che i servizi segreti italiani intervennero attivamente nel depistaggio nelle indagini sulla strage di via D’Amelio.

Ma Fava, presentando la relazione, va oltre e afferma che il lavoro della Commissione insinua “il dubbio forte che la stessa mano che ha lavorato per condurre questo depistaggio possa avere accompagnato anche gli esecutori della strage del 19 luglio 1992. La sensazione è che questo depistaggio servisse a coprire altro: era da perseguire l’obiettivo che quello fosse un attentato solamente mafioso. Per mesi nessuno si era posto il problema della sparizione dell’agenda rossa, che viene segnalato subito dalla famiglia. È un fatto che i primi approcci investigativi delegati al Sisde, portano alla conclusione:mafia fu!’“.

Fava individua due vulnus nella gestione delle indagini. Il primo è, appunto, il ruolo dei servizi, un ruolo “penetrante, pervasivo – lo definisce il presidente dell’Antimafia regionale – il Sisde viene chiamato a collaborare dalla Procura di Caltanissetta a poche ore della strage, contra legem: è grave che per 47 giorni la Procura di Caltanissetta abbia scelto di non ascoltare Borsellino (sulla morte di Giovanni Falcone, ndr) e due ore dopo la strage di via d’Amelio ci si affidi ai servizi“. L’impulso, è la conclusione, sarebbe partito dal Procuratore capo di Caltanissetta Giovanni Tinebra, oggi scomparso. Ed è in questo contesto si sarebbe svolto anche un pranzo, nell’autunno del 1992, al quale avrebbero partecipato procuratori, applicati da una parte e alti dirigenti del Sisde, tra cui Bruno Contrada, dall’altra. Il secondo vulnus è la gestione dei verbali dei confronti tra il falso pentito Vincenzo Scarantino e altri collaboratori di giustizia Cancemi, Di Matteo e La Barbera, che non furono depositati durante il processo Borsellino 1.

Tante le persone ascoltate dalla commissione: magistrati, uomini delle istituzioni, delle forze dell’ordine, giornalisti. Un lavoro durissimo e allo stesso tempo certosino, che ha portato all’approvazione della relazione all’unanimità. Ma rimangono i dubbi che si annidano nelle maglie della relazione e ai quali rimane da dare una risposta. “Una parte criminosa che ha voluto il depistaggio in via D’Amelio – è la conclusione di Fava – è rimasta impunita”. Come conferma anche Fiammetta Borsellino, intervenuta all’Ars alla presentazione della relazione:  “Le mie domande sulla strage di via D’Amelio sono ancora tutte senza risposte“, ha detto la figlia del giudice ucciso nella strage di via D’Amelio. “Le risposte non cadono dal cielo. Si danno nelle sedi opportune, nelle aule giudiziarie. Ci sono state e ci sono oggi le occasioni per farlo. Si fa un appello corale rispetto al fatto che ciascuno senta il bisogno di dare un contributo. Per avere la verità non ho bisogno di un Graviano o di un magistrato, ne abbiamo la piena consapevolezza – conclude – se qualcuno sa parli per liberarsi la coscienza“.

Guarda il video in basso

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin