Depistaggio di via D'Amelio, Fava: "È certo che il Sisde deviò le indagini sulla strage" | Video interviste :ilSicilia.it

la relazione della commissione regionale antimafia

Depistaggio di via D’Amelio, Fava: “È certo che il Sisde deviò le indagini sulla strage” | Video interviste

di
19 Dicembre 2018

Guarda il video in alto 

È certo il ruolo che il Sisde ebbe nell’immediata manomissione del luogo dell’esplosione e nell’altrettanto immediata incursione nelle indagini della Procura di Caltanissetta, procurando le prime note investigative che contribuiranno a orientare le ricerche della verità in una direzione sbagliata“. La commissione regionale Antimafia, presieduta da Claudio Fava, mette nero su bianco che i servizi segreti italiani intervennero attivamente nel depistaggio nelle indagini sulla strage di via D’Amelio.

Ma Fava, presentando la relazione, va oltre e afferma che il lavoro della Commissione insinua “il dubbio forte che la stessa mano che ha lavorato per condurre questo depistaggio possa avere accompagnato anche gli esecutori della strage del 19 luglio 1992. La sensazione è che questo depistaggio servisse a coprire altro: era da perseguire l’obiettivo che quello fosse un attentato solamente mafioso. Per mesi nessuno si era posto il problema della sparizione dell’agenda rossa, che viene segnalato subito dalla famiglia. È un fatto che i primi approcci investigativi delegati al Sisde, portano alla conclusione:mafia fu!’“.

Fava individua due vulnus nella gestione delle indagini. Il primo è, appunto, il ruolo dei servizi, un ruolo “penetrante, pervasivo – lo definisce il presidente dell’Antimafia regionale – il Sisde viene chiamato a collaborare dalla Procura di Caltanissetta a poche ore della strage, contra legem: è grave che per 47 giorni la Procura di Caltanissetta abbia scelto di non ascoltare Borsellino (sulla morte di Giovanni Falcone, ndr) e due ore dopo la strage di via d’Amelio ci si affidi ai servizi“. L’impulso, è la conclusione, sarebbe partito dal Procuratore capo di Caltanissetta Giovanni Tinebra, oggi scomparso. Ed è in questo contesto si sarebbe svolto anche un pranzo, nell’autunno del 1992, al quale avrebbero partecipato procuratori, applicati da una parte e alti dirigenti del Sisde, tra cui Bruno Contrada, dall’altra. Il secondo vulnus è la gestione dei verbali dei confronti tra il falso pentito Vincenzo Scarantino e altri collaboratori di giustizia Cancemi, Di Matteo e La Barbera, che non furono depositati durante il processo Borsellino 1.

Tante le persone ascoltate dalla commissione: magistrati, uomini delle istituzioni, delle forze dell’ordine, giornalisti. Un lavoro durissimo e allo stesso tempo certosino, che ha portato all’approvazione della relazione all’unanimità. Ma rimangono i dubbi che si annidano nelle maglie della relazione e ai quali rimane da dare una risposta. “Una parte criminosa che ha voluto il depistaggio in via D’Amelio – è la conclusione di Fava – è rimasta impunita”. Come conferma anche Fiammetta Borsellino, intervenuta all’Ars alla presentazione della relazione:  “Le mie domande sulla strage di via D’Amelio sono ancora tutte senza risposte“, ha detto la figlia del giudice ucciso nella strage di via D’Amelio. “Le risposte non cadono dal cielo. Si danno nelle sedi opportune, nelle aule giudiziarie. Ci sono state e ci sono oggi le occasioni per farlo. Si fa un appello corale rispetto al fatto che ciascuno senta il bisogno di dare un contributo. Per avere la verità non ho bisogno di un Graviano o di un magistrato, ne abbiamo la piena consapevolezza – conclude – se qualcuno sa parli per liberarsi la coscienza“.

Guarda il video in basso

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.