Depistaggio strage Borsellino, cosa c'è nelle 19 bobine misteriose? | FOTO :ilSicilia.it

Oggi l'esame tecnico irripetibile a Roma

Depistaggio strage Borsellino, cosa c’è nelle 19 bobine misteriose? | FOTO

di
19 Giugno 2019
Foto: Ebay
Foto: Ebay
Foto: Ebay
Foto: Ebay
Foto: Cryptomuseum.com

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Si svolgerà oggi, 19 giugno, al Racis dei Carabinieri di Roma l’accertamento tecnico irripetibile sulle 19 bobine magnetiche che la Procura di Messina ritiene connesse al depistaggio (ormai certo, in base alla sentenza del Borsellino quater) relativo alla strage di via D’Amelio.

Cosa contengono quei nastri misteriosi? L’unica cosa certa è che riguardano il falso pentito Vincenzo Scarantino e che all’esame tecnico di oggi sono stati convocati i difensori dei due pm indagati per “calunnia aggravata” (Anna Maria Palma e Carmelo Petralia), oltre che i legali dei sette condannati ingiustamente: Cosimo Vernengo, Gaetano La Mattina, Gaetano Murana, Gaetano Scotto, Giuseppe Urso e Natale Gambino, persone offese dal reato di depistaggio.

UHER RT-2000Le 19 registrazioni sono prodotte con vecchi apparecchi per intercettare, gli RT2000, prodotti dal 1982 dall’azienda triestina Radio Trevisan. I nastri sono magnetici quindi l’ascolto è considerato tecnicamente un “atto irripetibile” poiché le bobine potrebbero danneggiarsi. Ecco perché oggi saranno riversate in digitale.

L’ RT2000 fu costruito fino al 1988 e inserito sul telaio di un registratore portatile, “UHER 4400“, dotato anche di una piccolissima stampante termica e un display. Un registratore automatico di intercettazioni telefoniche oggi ormai obsoleto. Poteva registrare fino a 4 canali audio contemporaneamente e stampava le informazioni (ad esempio data e ora, numero di telefono composto) sulla mini-stampante anteriore di biglietti.

Era concepito come un apparecchio di spionaggio, e qualche appassionato lo può ancora trovare come pezzo di “tecnologia d’antiquariato” su Ebay, alla cifra di 75 dollari (66 euro).

Oggi, a 27 anni dalla strage in cui morì il giudice Paolo Borsellino, si sa solo che quei nastri non contengono interrogatori ma intercettazioni di Scarantino. In attesa di scoprire il contenuto di queste bobine misteriose, il Procuratore di Messina Maurizio De Lucia, che coordina l’inchiesta sul depistaggio, spera di trovare indizi importanti.

Chi suggerì a Scarantino le bugie condite da alcune verità? Furono solo i tre poliziotti sotto processo (Mario Bo, Michele Ribaudo e Fabrizio Mattei), oppure – come sostiene Fiammetta Borsellino – dietro ci sarebbero dei pm?

La strada per la verità è ancora lunga, ma si intravede uno spiraglio di luce.

 

LEGGI ANCHE:

“Un amico mi ha tradito”, il pianto di Borsellino e le indagini sul depistaggio

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin