Depistaggio via D'Amelio, i boss scagionati chiedono i danni allo Stato per 50 milioni :ilSicilia.it

Depistaggio via D’Amelio, i boss scagionati chiedono i danni allo Stato per 50 milioni

di
29 Agosto 2018

Dopo il danno pure la beffa. Non bastava il colossale depistaggio accertato ormai in sede giudiziaria, a 26 anni dalla Strage di via D’Amelio. Le dichiarazioni del falso pentito Vincenzo Scarantino (che più volte aveva denunciato di essere stato “manovrato” e picchiato da agenti di polizia) adesso hanno aperto la strada ad un maxi risarcimento ai danni dello Stato.

A chiederlo i legali di Cosimo Vernengo, Giuseppe La Mattina, Gaetano Murana, Gaetano Scotto e Natale Gambino, i cinque mafiosi accusati ingiustamente dell’eccidio del 19 luglio 1992. Ammonta a cinquanta milioni di euro la richiesta di risarcimento danni avanzata tramite i loro avvocati Giuseppe Dacquì, Giuseppe Scozzola e Rosalba Di Gregorio.

Dieci milioni di euro ciascuno “per i danni all’immagine che quell’accusa ha comportato, per essere stati detenuti all’isolamento e aver subito il carcere duro. Sono stati etichettati ingiustamente come stragisti“, ha spiegato l’avvocato Giuseppe Dacquì, legale di Natale Gambino.

Mario Bo
Mario Bo

L’istanza è già stata depositata nell’ambito dell’udienza preliminare fissata per il 20 settembre, davanti al Gip del Tribunale di Caltanissetta e che vede imputati il questore Mario Bo, gli ispettori Fabrizio Mattei e Michele Ribaudo, componenti del pool “Falcone – Borsellino”, accusati di aver depistato le indagini manovrando il falso pentito Vincenzo Scarantino. Gli avvocati hanno citato come responsabili civili la presidenza del Consiglio dei ministri e il ministero dell’Interno.

Grazie alle rivelazioni del pentito Gaspare Spatuzza si è recentemente riscritta la storia. Si è accertato il depistaggio (“Uno dei più gravi depistaggi della storia giudiziaria italiana”) dei fatti raccontati da Scarantino. Alcuni fatti erano effettivamente avvenuti, solo che i protagonisti erano altri. Dunque la domanda che si dovranno porre i pm nei prossimi processi è: «Chi ha suggerito ai suggeritori?».

Ci sono ombre sull’ex capo della squadra mobile di Palermo Arnaldo La Barbera, a libro paga dei servizi segreti, morto poi nel 2002. A difendere Mario Bo l’avvocato Nino Caleca.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin