25 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.14

Depistaggio via D’Amelio, i boss scagionati chiedono i danni allo Stato per 50 milioni

29 Agosto 2018

Dopo il danno pure la beffa. Non bastava il colossale depistaggio accertato ormai in sede giudiziaria, a 26 anni dalla Strage di via D’Amelio. Le dichiarazioni del falso pentito Vincenzo Scarantino (che più volte aveva denunciato di essere stato “manovrato” e picchiato da agenti di polizia) adesso hanno aperto la strada ad un maxi risarcimento ai danni dello Stato.

A chiederlo i legali di Cosimo Vernengo, Giuseppe La Mattina, Gaetano Murana, Gaetano Scotto e Natale Gambino, i cinque mafiosi accusati ingiustamente dell’eccidio del 19 luglio 1992. Ammonta a cinquanta milioni di euro la richiesta di risarcimento danni avanzata tramite i loro avvocati Giuseppe Dacquì, Giuseppe Scozzola e Rosalba Di Gregorio.

Dieci milioni di euro ciascuno “per i danni all’immagine che quell’accusa ha comportato, per essere stati detenuti all’isolamento e aver subito il carcere duro. Sono stati etichettati ingiustamente come stragisti“, ha spiegato l’avvocato Giuseppe Dacquì, legale di Natale Gambino.

Mario Bo
Mario Bo

L’istanza è già stata depositata nell’ambito dell’udienza preliminare fissata per il 20 settembre, davanti al Gip del Tribunale di Caltanissetta e che vede imputati il questore Mario Bo, gli ispettori Fabrizio Mattei e Michele Ribaudo, componenti del pool “Falcone – Borsellino”, accusati di aver depistato le indagini manovrando il falso pentito Vincenzo Scarantino. Gli avvocati hanno citato come responsabili civili la presidenza del Consiglio dei ministri e il ministero dell’Interno.

Grazie alle rivelazioni del pentito Gaspare Spatuzza si è recentemente riscritta la storia. Si è accertato il depistaggio (“Uno dei più gravi depistaggi della storia giudiziaria italiana”) dei fatti raccontati da Scarantino. Alcuni fatti erano effettivamente avvenuti, solo che i protagonisti erano altri. Dunque la domanda che si dovranno porre i pm nei prossimi processi è: «Chi ha suggerito ai suggeritori?».

Ci sono ombre sull’ex capo della squadra mobile di Palermo Arnaldo La Barbera, a libro paga dei servizi segreti, morto poi nel 2002. A difendere Mario Bo l’avvocato Nino Caleca.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.