20 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.14

Depistaggio via D’Amelio, i boss scagionati chiedono i danni allo Stato per 50 milioni

29 Agosto 2018

Dopo il danno pure la beffa. Non bastava il colossale depistaggio accertato ormai in sede giudiziaria, a 26 anni dalla Strage di via D’Amelio. Le dichiarazioni del falso pentito Vincenzo Scarantino (che più volte aveva denunciato di essere stato “manovrato” e picchiato da agenti di polizia) adesso hanno aperto la strada ad un maxi risarcimento ai danni dello Stato.

A chiederlo i legali di Cosimo Vernengo, Giuseppe La Mattina, Gaetano Murana, Gaetano Scotto e Natale Gambino, i cinque mafiosi accusati ingiustamente dell’eccidio del 19 luglio 1992. Ammonta a cinquanta milioni di euro la richiesta di risarcimento danni avanzata tramite i loro avvocati Giuseppe Dacquì, Giuseppe Scozzola e Rosalba Di Gregorio.

Dieci milioni di euro ciascuno “per i danni all’immagine che quell’accusa ha comportato, per essere stati detenuti all’isolamento e aver subito il carcere duro. Sono stati etichettati ingiustamente come stragisti“, ha spiegato l’avvocato Giuseppe Dacquì, legale di Natale Gambino.

Mario Bo
Mario Bo

L’istanza è già stata depositata nell’ambito dell’udienza preliminare fissata per il 20 settembre, davanti al Gip del Tribunale di Caltanissetta e che vede imputati il questore Mario Bo, gli ispettori Fabrizio Mattei e Michele Ribaudo, componenti del pool “Falcone – Borsellino”, accusati di aver depistato le indagini manovrando il falso pentito Vincenzo Scarantino. Gli avvocati hanno citato come responsabili civili la presidenza del Consiglio dei ministri e il ministero dell’Interno.

Grazie alle rivelazioni del pentito Gaspare Spatuzza si è recentemente riscritta la storia. Si è accertato il depistaggio (“Uno dei più gravi depistaggi della storia giudiziaria italiana”) dei fatti raccontati da Scarantino. Alcuni fatti erano effettivamente avvenuti, solo che i protagonisti erano altri. Dunque la domanda che si dovranno porre i pm nei prossimi processi è: «Chi ha suggerito ai suggeritori?».

Ci sono ombre sull’ex capo della squadra mobile di Palermo Arnaldo La Barbera, a libro paga dei servizi segreti, morto poi nel 2002. A difendere Mario Bo l’avvocato Nino Caleca.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.