"Después de la tierra, todo", le storie di Mascarò in mostra all'Istituto Cervantes :ilSicilia.it
Palermo

Fino al 24 aprile

“Después de la tierra, todo”, le storie di Mascarò in mostra all’Istituto Cervantes

di
28 Febbraio 2018

Alla chiesa di Sant’Eulalia dei Catalani, sede dell’Instituto Cervantes, si inaugura il 28 febbraio alle 19, alla presenza della curatrice Carmen Fernandez Ortiz, la mostra Después de la tierra, todo (Dopo la terra, tutto) di Xavier Mascarò.

Scultore e disegnatore, nato a Parigi ma cittadino del mondo, Mascaró è un artista ispirato dalla storia e dall’archeologia dei valori universali.

Realizza teste e corpi, umani e animali che nascono come forme individuali, poi lasciati liberi di crescere insieme, in barche, per far loro iniziare viaggi sorprendenti e condividere esperienze vitali verso nuovi orizzonti.

Sono storie raccontate con la delicatezza delle silhouette, la bellezza dei materiali e le straordinarie convivenze: la ceramica con il ferro, il metallo con la cartapesta.

Queste barche, fondamentali nell’immaginario dell’artista, prima vuote, leggere, spirituali, ed ora con persone e animali, cariche di esperienze terrene, sono barche che viaggiano in un mare che non vediamo, solo intuiamo, ma che diventa il protagonista della narrazione, poiché ci parla della partenza, dell’arrivo, della traversata.

L’acqua come elemento primordiale, vaso comunicante e fluido che ci fa muovere, che rende più leggero il peso. Le barche di Mascaró si ripetono nella sua iconografia, ed allo stesso modo si ripetono gli itinerari, emotivi e individuali nella nostra intimità, e sociali nella collettività, alla ricerca dell’unione.

La mostra, allestita fino al 24 aprile, sarà visitabile gratuitamente dal lunedì al giovedì dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18, venerdì dalle 10 alle 12.

Mascarò si è laureato alla Facoltà di Belle Arti presso l’Università di Barcellona e vive e lavora tra Madrid e il Messico. Tanti i riconoscimenti internazionali ricevuti dall’artista tra cui, nel 2002,  il premio Best Stage Design Award al Festival di Palencia per la scenografia Carta de Amor di Fernando Arrabal, presentata presso il Museo Nazionale d’Arte Reina Sofía.

La mostra rientra nel cartellone di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.