Detenuto mafioso morde e stacca un dito a un agente: "Potrebbe averlo mangiato" :ilSicilia.it

Si tratta di Giuseppe Fanara

Detenuto mafioso morde e stacca un dito a un agente: “Potrebbe averlo mangiato”

di
8 Settembre 2020

Ha dato un morso al dito di un agente di polizia penitenziaria e glielo ha staccato. Non solo: potrebbe anche aver mangiato il mignolo della mano destra del malcapitato, visto che il dito non è più stato ritrovato. È quanto avrebbe fatto il boss di Cosa Nostra Giuseppe Fanara il 17 giugno scorso nel carcere di Rebibbia, dove si trova da nove anni al  41-bis.

Il fatto è stato riportato dal quotidiano Il Messaggero. L’uomo, 60 anni e una condanna all’ergastolo,

Secondo quanto ricostruito, Fanara sarebbe andato in escandescenze dopo un controllo e si sarebbe scagliato su sette poliziotti. In particolare avrebbe afferrato per il collo un agente e dopo averlo gettato per terra, lo avrebbe morso staccandogli il mignolo della mano destra, che non è stato più ritrovato. Da qui l’ipotesi degli inquirenti: il mignolo potrebbe anche essere stato mangiato dal detenuto.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin