17 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.56
Palermo

l'iniziativa è in programma a Villa Filipina

“Di amore e di violenza”, venerdì 9 giugno la tavola rotonda conclusiva

8 Giugno 2017
Carla Garofalo

Si terrà venerdì 9 giugno, alle 17, a Villa Filippina (in piazza San Francesco di Paola) a Palermo, la tavola rotonda finale del progetto “Di amore e di violenza”, la rassegna promossa dall’Associazione Flavio Beninati, presieduta da Carla Garofalo, iniziata a marzo e proseguita fino ad ora nell’ambito del ciclo “Di maggio in maggio”.

Saranno presenti Beatrice Agnello, Brunella Antomarini, Maria Ales, Giulia Caronia, Teresa Di Fresco, Carla Garofalo, Federica Gennaro, Milena Gentile, Maria Giambruno, Elena Grasso, Clelia Lombardo, Valentina Picciotto, Marianna Viola. Ingresso libero.

Il progetto “Di amore e di violenza” si è svolto mediante un ciclo di nei quali si è cercato di comprendere il modo in cui le relazioni d’amore sono mutate nel tempo e come, nel rapporto fra uomo e donna, tendano ad affermarsi dinamiche di egoismo, narcisismo e prevaricazione che danno spesso origine ad azioni mostruose.

Si è analizzato il tema della violenza nelle relazioni d’amore e nelle famiglie, con un’attenzione di volta in volta settoriale e specifica, a partire dall’Universo Mente, nucleo centrale delle intersezioni relazionali e sistemiche: coppia, famiglia, società. I linguaggi di volta in volta scelti hanno spinto a una riflessione, oltre che sotto il profilo psicologico e psichiatrico, anche sotto quello giuridico, bioetico, filologico, letterario, filosofico e comunicativo, per comprendere anche la responsabilità della narrativa utilizzata nella costruzione di un modello culturale violento, spesso poco rispettoso della dignità personale. Il tema nella sua complessità, trattato da specialisti dei diversi settori, è stato sostenuto da diversi convegni tematici e da una mostra d’arte con opere di Manfredi Beninati esposte per la prima volta a Palermo.

I contributi di tutte le diverse professionalità e individualità impegnate in questo progetto saranno raccolti e veicolati attraverso una pubblicazione, nello spirito delle raccomandazioni della Convenzione di Istanbul, secondo cui la diffusione dell’informazione è lo strumento principale attraverso cui contenere e contrastare il fenomeno della violenza di genere, esploso al punto da invadere la nostra quotidianità.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.