Di lavoro si muore. Operaio cade dal tetto di un capannone a Cassibile | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Siracusa

Incidente in provincia di Siracusa

Di lavoro si muore. Operaio cade dal tetto di un capannone a Cassibile

4 Gennaio 2017

Finite le feste si torna a lavoro. Puntuali come sempre arrivano le morti bianche. A perdere la vita questa volta è Antonio Galvano, un operaio trentanovenne di Cassibile, in provincia di Siracusa. Sposato e padre di due figli, Galvano stava lavorando sul tetto di un capannone industriale ed è improvvisamente caduto da un’altezza di oltre 10 metri. Galvano era a capo di una squadra di operai. L’incidente è avvenuto in Contrada Varco Cantera. L’operaio è morto sul colpo. Vani gli interventi degli operatori del 118 che sono giunti sul posto dell’incidente e hanno potuto soltanto constatare il decesso di Galvano. Sull’incidente indagano i carabinieri. Secondo la prima ricostruzione, l’operaio potrebbe essere caduto per il collasso di una zona della copertura del tetto dove stava lavorando.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.