17 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.01
Palermo

Il primo cittadino bagherese disconosciuto dal leader pentastellato ma sostenuto dal movimento

Di Maio sconfessa il sindaco Cinque, ma il M5s è nella sua giunta e lo sostiene in consiglio comunale

27 Febbraio 2018

“Cinque non è sindaco del Movimento”, parola di Luigi Di Maio.

Una frase che non lascerebbe margine di dubbio alcuno, se non fosse che ha lasciato a bocca aperta tanti attivisti pentastellati che ieri hanno ascoltato dalla viva voce del loro leader una sconfessione in piena regola.

Di Maio lo ha detto a margine della manifestazione che si è svolta a Palermo, prendendo le distanze dal sindaco di Bagheria Patrizio Cinque per cui ieri la Procura di Termini Imerese ha chiesto il rinvio a giudizio.

Cinque è accusato di turbativa d’asta, abuso d’ufficio e violazione del segreto d’ufficio insieme ad altri 19 tra imprenditori, un vigile urbano e funzionari comunali.

Dopo la notifica dell’obbligo di firma si era autosospeso dal Movimento, ma nonostante questo, continua ad avere un forte ascendente sugli attivisti bagheresi. Peraltro, il Movimento 5 stelle di Bagheria è in giunta con propri assessori e anche i suoi consiglieri comunali sostengono il governo municipale di Patrizio Cinque.

Delle due l’una, o Di Maio ha così sconfessato di fatto il movimento bagherese, oppure non è al corrente di quel che accade nel paese alle porte di Palermo.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.