Di Maio si dice contento per il risultato in Sicilia, ma il M5s perde le roccaforti grilline | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Il vicepremier ha visto un altro film

Di Maio si dice contento per il risultato in Sicilia, ma il M5s perde le roccaforti grilline

di
29 Aprile 2019

“Sono molto contento per il risultato siciliano, faccio i complimenti a Gambino e Cancelleri. In Sicilia c’è una legge elettorale che consente di evitare il ballottaggio con il 40%, è una legge unica al mondo e assurda che fu fatta contro il M5S nel 2016 dal precedente governo di centrosinistra, ma non ce l’hanno fatta a vincere contro il M5S”. Il ministro e vicepremier Luigi Di Maio, in conferenza stampa dall’Ambasciata italiana di Varsavia, ancora una volta se la prende con la legge elettorale per giustificare la sconfitta del Movimento 5 stelle in quasi tutti i comuni in cui si è presentato e commenta in questo modo l’esito del voto delle amministrative in Sicilia.

“Andiamo al ballottaggio a Caltanissetta e a Castelvetrano – afferma – e qui questo assume un significato importante, visto che Castelvetrano è conosciuto anche per essere il comune di Matteo Messina Denaro. Proprio in questi giorni in cui c’è una questione morale, che vede al centro anche il governo con un sottosegretario, il ballottaggio è un grande riconoscimento per noi”.

Su Bagheria e Gela il leader del Movimento ha affermato “non le governiamo più da anni per una serie di errori fatti da quei sindaci”, peccato però che cinque anni fa in quelle stesse realtà i grillini – che pure si erano presentati da soli – avevano ottenuto percentuali ben più alte. Peraltro, in questi stessi territori alle scorse politiche di un anno fa il M5s aveva incassato percentuali altissime. Inoltre, sul fatto che il Movimento 5 stelle non governi più Bagheria da anni, qualcuno dovrebbe spiegargli che semmai è vero il contrario: infatti, in realtà è corretto che il sindaco Cinque era sospeso dal M5s, ma è anche vero che tutti i suoi assessori e la stessa maggioranza che lo sosteneva in consiglio comunale era interamente pentastellata. E anche l’attuale candidata Romina Aiello, sconfitta sonoramente con il voto amministrativo di ieri, è stata assessore della medesima giunta.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin