Di Matteo elogia ancora i 5 Stelle e attacca il "patto" Renzi-Berlusconi :ilSicilia.it
Palermo

Il magistrato a tutto campo

Di Matteo elogia ancora i 5Stelle e attacca il “patto” Renzi-Berlusconi

di
28 Aprile 2017

Parte da questo importante discorso di Paolo Borsellino sui politici e il ruolo della magistratura. Da lì il pm Nino Di Matteo – oggi pomeriggio a Palazzo delle Aquile durante la presentazione della petizione per sbloccare la legge La Torre bis (estensione della Rognoni-La Torre anche ai casi di corruzione) ferma in Senato – si scaglia contro l’attuale classe politica, senza peli sulla lingua: “Borsellino diceva che la politica era in attesa delle sentenze definitive della magistratura. L’attuale classe politica – dice il pm del processo trattativa – non fa più nemmeno questo: Renzi, ad esempio, non ha tenuto conto della sentenza Dell’Utri se è vero che con Berlusconi ha discusso di come modificare la Costituzione”.
Il riferimento è alla sentenza definitiva a carico dell’ex senatore di Forza Italia, Marcello Dell’Utri, che riconosce l’esistenza di un Patto tra l’allora imprenditore Silvio Berlusconi e alcuni boss della mafia con la mediazione di Dell’Utri.
Di Matteo ha anche affrontato il tema della lotta alla corruzione, fenomeno che “costituisce sempre di più l’altra faccia della medaglia rispetto a Cosa nostra. Tra le modifiche legislative sollecitate dal magistrato per contrastare la corruzione c’è anche la riforma della prescrizione.
Pio La Torre – ha aggiunto il pm palermitano – ha saputo essere un traino nel contrasto alla mafia e ai suoi legami con la politica: indagava dentro e fuori al partito e lo faceva senza attendere la magistratura. Oggi quel modo di concepire la politica è stato totalmente tradito. La memoria di La Torre è stata mortificata dalla classe politica, anche quella nata dal partito comunista. La politica ha rinunciato al suo ruolo e alle sue prerogative e si è vigliaccamente tirata indietro lasciando sulle spalle della magistratura la lotta alla mafia e ai rapporti tra pezzi delle istituzioni e la mafia”.
Di Matteo codice etico M5sPoi ritorna ad elogiare il codice etico del Movimento di Beppe Grillo“L’approccio del Movimento cinque stelle che propone un codice deontologico è certamente un approccio positivo perché pone il problema della distinzione tra responsabilità penale e politica”.
© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.