11 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.41
Messina

il commissario straordinario fa il punto della situazione

Di Miceli: “La Fondazione Taormina Arte è ormai realtà e avrà un grande futuro”

25 Giugno 2019

E’ ormai in dirittura d’arrivo l’iter per la Fondazione Taormina Arte Sicilia. La nuova dimensione dell’ente culturale è ormai realtà e si sta adesso procedendo alla definizione degli ultimi aspetti nella lunga procedura che ha portato alla trasformazione giuridica dal vecchio comitato alla fondazione. L’iter è stato seguito in tutte le sue complesso fasi dal commissario straordinario della Fondazione TaoArte, Pietro Di Miceli. Il funzionario incaricato dall’assessorato regionale al Turismo sta portando a termine quella che sembrava una “mission impossible”.

“In questi giorni – spiega Di Miceli – è in corso l’iscrizione al registro delle fondazioni che definirà una volta per tutte la fase costitutiva della Fondazione Taormina Arte Sicilia. Di fatto, comunque, la Fondazione è già realtà ed è operativa e questa estate, nel solco di una grande tradizione, proporremo al pubblico un ricco cartellone con tanti eventi di rilievo nazionale ed internazionale, nell’arco di una stagione che inizierà con i Nastri d’Argento e il Festival del Cinema e vedrà poi al Teatro Antico i grandi concerti. Siamo nel pieno delle attività e siamo soddisfatti di essere arrivati a questo importante punto di svolta che è maturato a conclusione di un lungo e faticoso percorso durato 2 anni. Adesso l’iter è davvero in dirittura d’arrivo e sono certo che la Fondazione TaoArte Sicilia potrà avere davanti a sé un grande futuro”.

Se ripenso a quando è iniziato questo percorso – spiega Di Miceli – mi viene in mente che è stata una sfida, non sono mancati i momenti difficili e gli ostacoli. Ho cercato di svolgere il mio impegno con dedizione e con il massimo impegno possibile, ben consapevole di tutti gli ostacoli da affrontare e con il senso di responsabilità che ha accompagnato tutta la mia vita e il mio percorso professionale. A questo punto siamo ormai arrivati al traguardo e a quella svolta che la Città di Taormina attendeva e inseguiva da oltre 30 anni. E’ un fatto importante che interessa Taormina ma anche tutta la Sicilia, perché questa città e questo ente sono un punto di riferimento per l’offerta culturale e turistica di tutta l’isola”.

Una volta completato l’iter costitutivo si andrà poi a predisporre la procedura che porterà nei prossimi mesi all’insediamento degli organi della Fondazione, che avrà a capo il presidente, ovvero il sindaco protempore di Taormina, il prof. Mario Bolognari.

A far parte della Fondazione Taormina Arte Sicilia, a questo punto, saranno la Regione Siciliana e il Comune di Taormina, mentre non ci saranno l’ex Provincia regionale di Messina e il Comune di Messina: “Per quanto concerne l’ex Provincia – evidenzia Di Miceli – la situazione è ancora “ibrida”, visto che da un anno a questa parte il sindaco metropolitano ha emanato un atto di indirizzo per la fuoriuscita da Taormina Arte, un atto che però di fatto non è stato poi eseguito. Differente è il discorso concernente il Comune di Messina, perché in quel caso c’è il Consiglio comunale che si è detto contrario alla volontà di uscire da TaoArte espressa dal sindaco. In ogni caso la Fondazione andrà avanti e non subirà nessun contraccolpo”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.