Di Pietro condannato a risarcire Cuffaro non vuole pagare e chiede l'immunità :ilSicilia.it

i fatti risalgono al 2009

Di Pietro condannato a risarcire Cuffaro non vuole pagare e chiede l’immunità

di
5 Maggio 2019

Tonino di Pietro chiede l’immunità parlamentare perché non vuole risarcire di 6.000 euro Totò Cuffaro. L’ex pm di “Mani pulite” ha perso una causa per diffamazione nei confronti dell’allora presidente della Regione Siciliana ma, all’epoca dei fatti, era un deputato e per questo si è rivolto alla Giunta per le autorizzazioni a procedere di Montecitorio.

Situazione singolare, questa, perchè Cuffaro ha scontato una pena per favoreggiamento a Cosa nostra e rivelazione di segreto istruttorio ma questa volta si trova dalla parte della giustizia. Di Pietro, invece, si ritrova adesso a chiedere l’immunità, cosa che in passato aveva fatto pure Cuffaro, prima della condanna definitiva, quando era senatore.

Di Pietro è stato condannato perché nel 2009 aveva accusato Cuffaro di aver screditato la memoria del giudice Giovanni Falcone, ucciso dalla mafia nel 1992. L’ex pm, infatti, aveva pubblicato sul suo sito alcuni video presi da youtube in cui Cuffaro, che nel 1991 aveva partecipato alla trasmissione Samarcanda di Michele Santoro, aveva, a suo dire, oltraggiato il magistrato antimafia. Il titolo dell’articolo era “Vi difendiamo tutti da Cuffaro“.

I video erano stati pubblicati nel 2007 da utenti ignoti. Nel 2013 è arrivata la condanna per l’ex pm e ora che la causa è finita in Corte d’Appello, l’ex giudice ha chiesto l’immunità parlamentare perché nel 2009 era un deputato della Repubblica.

La palla, adesso, alla Giunta per le autorizzazioni a procedere di Montecitorio.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.