Di Pietro condannato a risarcire Cuffaro non vuole pagare e chiede l'immunità :ilSicilia.it

i fatti risalgono al 2009

Di Pietro condannato a risarcire Cuffaro non vuole pagare e chiede l’immunità

di
5 Maggio 2019

Tonino di Pietro chiede l’immunità parlamentare perché non vuole risarcire di 6.000 euro Totò Cuffaro. L’ex pm di “Mani pulite” ha perso una causa per diffamazione nei confronti dell’allora presidente della Regione Siciliana ma, all’epoca dei fatti, era un deputato e per questo si è rivolto alla Giunta per le autorizzazioni a procedere di Montecitorio.

Situazione singolare, questa, perchè Cuffaro ha scontato una pena per favoreggiamento a Cosa nostra e rivelazione di segreto istruttorio ma questa volta si trova dalla parte della giustizia. Di Pietro, invece, si ritrova adesso a chiedere l’immunità, cosa che in passato aveva fatto pure Cuffaro, prima della condanna definitiva, quando era senatore.

Di Pietro è stato condannato perché nel 2009 aveva accusato Cuffaro di aver screditato la memoria del giudice Giovanni Falcone, ucciso dalla mafia nel 1992. L’ex pm, infatti, aveva pubblicato sul suo sito alcuni video presi da youtube in cui Cuffaro, che nel 1991 aveva partecipato alla trasmissione Samarcanda di Michele Santoro, aveva, a suo dire, oltraggiato il magistrato antimafia. Il titolo dell’articolo era “Vi difendiamo tutti da Cuffaro“.

I video erano stati pubblicati nel 2007 da utenti ignoti. Nel 2013 è arrivata la condanna per l’ex pm e ora che la causa è finita in Corte d’Appello, l’ex giudice ha chiesto l’immunità parlamentare perché nel 2009 era un deputato della Repubblica.

La palla, adesso, alla Giunta per le autorizzazioni a procedere di Montecitorio.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin