Dialogo tra opere d'arte: apre al pubblico la casa studio di Lia Pasqualino Noto | FOTOGALLERY :ilSicilia.it
Palermo

Tra i Collaterals di Manifesta 12

Dialogo tra opere d’arte: apre al pubblico la casa studio di Lia Pasqualino Noto | FOTOGALLERY

di
14 Giugno 2018

PALERMO – Un anno di lavoro per riaprire le porte della casa-studio della pittrice Lia Pasqualino Noto, nata a Palermo nel 1909, pioniera in Sicilia dell’arte come professione per una donna.

Dal 19 giugno all’1 luglio, infatti, grazie al progetto “Signori prego si accomodino” a cura di Geraldine Blais, si potranno visitare le stanze che riportano ancora l’atmosfera dell’epoca con, gelosamente protette, le traccie sui muri dei quadri affissi negli anni.

Lia Pasqualino Noto

Il progetto, giunto a Palermo in occasione di Manifesta 12, terza tappa in Italia, ha l’obiettivo di coniugare passato e presente e, in quest’ottica, un gruppo di artisti internazionali hanno “dialogato” con le opere della pittrice.

Tra questi John Armleder & Morgane Tschiember, Sarah Buckner, Nicolas Deshayes, Patrizio Di Massimo, Anna Franceschini, Gelitin, Chantal Joffe, Sonia Kacem, Athena Papadopoulos, Diego Perrone, Maia Regis, Kiki Smith e i due palermitani Gianluca Concialdi e Francesco Simeti.

Un ulteriore approfondimento sull’artista arriva anche dal testo scritto da Maria Luisa Leto, “Lia Pasqualino Noto” che racconta il complicato percorso che la  pittrice ha dovuto attraversare per affermare la propria attività di “artista donna“, nell’epoca del fascismo e della seconda Guerra Mondiale e, ancora, di come sia cambiata la sua produzione sotto gli insegnamenti del primo maestro Onofrio Tomaselli, durante il percorso in Accademia, fino al passaggio con Pippo Rizzo.

La visita alla casa di Lia Pasqualino Noto voluto dalla curatrice segue quattro percorsi principali: il primo riguarda le opere esposte, di cui alcune inedite; il secondo l’intervento degli artisti internazionali; il terzo riguarda il coinvolgimento dei familiari e degli eredi della Famiglia Pasqualino Noto; l’ultimo la dimensione spaziale originale dell’abitazione.

Il progetto è organizzato da NUOVE//Contemporary Art Production in collaborazione con Elenka, Marsèll, Tasca D’Almerita, con il patrocinio della GAM – Galleria D’Arte Moderna di Palermo, dell’Accademia di Belle Arti di Palermo e del Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino.

Visite solo su prenotazione (dal 19 giugno all’1 luglio, orari 10 – 12 / 17 – 20); informazioni e prenotazioni all’indirizzo liapasqualinonoto@mail.com o al numero + 39 340 3233913.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.