Diario di Singapore - Seconda Parte :ilSicilia.it

opportunità di business per le bontà siciliane

Diario di Singapore – Seconda Parte

7 Maggio 2018

Nella puntata precedente vi avevamo raccontato di sincretismo culinario, granchi indocinesi e fine dining… neanche fossimo i parolieri di Franco Battiato. Oggi, invece, proseguiamo con una breve analisi delle opportunità di business per le bontà siciliane in supermercati, ristoranti, hotel e catering.

Nella Grande Distribuzione Organizzata, GDO, gli sbocchi a cui può ambire un prodotto Made in Italy sono essenzialmente le due principali catene di supermercati: FairPrice e ColdStorage. Il primo offre prodotti di qualità medio-bassa; nel secondo il livello qualitativo si alza al pari della varietà di prodotti. In entrambi i casi la gamma di prodotti italiana non è vastissima, mentre balzano agli occhi le offerte cinesi, neozelandesi e australiane.

Tra gli italiani spiccano i grandi brand, alcuni dei quali vengono prodotti ed esportati direttamente da Australia e Nuova Zelanda. In questo settore la logistica è una sfida, ma se affrontata con professionalità non risulta un problema, vista l’efficienza di porti e aeroporti e la trasparenza nelle procedure doganali.

Il vero scoglio, nel caso della GDO, è culturale. In primis, la cucina italiana, in un paese con pochi italiani e storicamente distante dalle nostre influenze culturali, è residuale nelle scelte alimentari dei consumatori singaporiani. In secondo luogo, non è definita al grande pubblico la percezione del reale valore aggiunto dei prodotti nostrani, in termini di proprietà nutrizionali e patrimonio di tradizioni. Al fine di superare questo ostacolo, sono in corso numerose iniziative organizzate dagli attori dell’italianità (associazioni, operatori di settore e istituzioni), come eventi per food blogger, fieristici e di promozione culturale. Tali elementi ci portano a ritenere che, sulla scia dell’esperienza francese e olandese, è ormai alle porte un forte rilancio dei prodotti italiani anche nella GDO.

Nel settore della distribuzione verso hotel, ristoranti, catering – canale HoReCa – e specialties shop, invece, vi è molta più varietà di prodotti e spazio a disposizione. È evidente come chef e consumatori gourmet siano più inclini allo studio e alla sperimentazione e, ovviamente, siano maggiormente in grado di comprendere il valore dei prodotti.

Da questi canali passa e può passare di tutto, dagli amaretti alle acque minerali più ricercate, ma il successo non è assicurato. Le discussioni che abbiamo avuto con gli operatori di questo settore hanno evidenziato che i prodotti che potrebbero avere mercato sono i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche. In questo segmento, in cui si ricerca di più il particolare, è fondamentale la precisione e la puntualità nella fornitura degli approvvigionamenti per creare relazioni durature.

Dopo queste missioni possiamo dire che, a discapito delle 13 ore di volo, il Sud-Est asiatico non è mai stato così vicino per le aziende siciliane!

Se vi sentite pronti al decollo, scriveteci a ms@nearco.eu

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.