22 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.11

l'affondo di Pino Apprendi

Dicevano: “Cambieremo la legge elettorale”, hanno tutti dimenticato la promessa

2 Febbraio 2019

«Vi ricordate di questo mantra? Tutti, vincitori e vinti, prima della campagna elettorale promettevano di voler cambiare la legge elettorale. Tutti indignati che l’elettore non potesse scegliersi il parlamentare da votare, perché il sistema plurinominale, di fatto, garantiva gli amici del capo. Però è piaciuta a tutti, adesso comodi nello scranno della Camera o del Senato, hanno dimenticato la promessa». È il j’accuse di Pino Apprendiconsigliere comunale di Piana degli Albanesi, già deputato Ars.

Lo hanno dimenticato «sopratutto i “miracolati” che di voti personali sanno di non averne e che si sono battuti come leoni per conquistare il primo posto in lista in più collegi. Cari amici e compagni dell’opposizione (?) se volete riconquistare una parte dell’elettorato sdegnato dalla malapolitica avete un argomento da proporre insieme ai temi del lavoro, della corruzione e ai temi dei diritti umani».

 

LEGGI ANCHE:

Apprendi: “La vergogna del Rosatellum”

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.