"Dieta forzata" per i Vigili del Fuoco. Ridotti servizi mensa: 31 licenziamenti. Ecco le sedi interessate in Sicilia :ilSicilia.it
Catania

Uiltucs: è uno degli effetti della spending review

“Dieta forzata” per i Vigili del Fuoco. Ridotti servizi mensa: 31 licenziamenti. Ecco le sedi interessate in Sicilia

7 Febbraio 2018

Scattano 31 licenziamenti nelle mense dei distaccamenti dei vigili del fuoco, ma la Uiltucs e gli altri sindacati hanno ottenuto che ai lavoratori vengano riconosciuti i diritti antecedenti al Jobs act, che venga esteso il diritto di precedenza in caso di riassunzione e che in caso di riapertura di distaccamenti o sostituzioni di personale si attinga prioritariamente a questo bacino.

L’accordo firmato oggi al Centro per l’impiego riguarda la procedura avviata dalle società Le Palme che si è aggiudicata il lotto Sicilia-Calabria per la gestione delle mense dei distaccamenti dei vigili del fuoco nel periodo 2018-2020. Il bando di gara però prevedeva la riduzione del numero di distaccamenti e dei pasti nelle sedi centrali e l’azienda ha avviato la procedura di licenziamento per 31 lavoratori.

Marianna Flauto
Marianna Flauto

“Anche questi sono gli effetti della spending review sui lavoratori – dice Marianna Flauto, segretario generale della Uiltucs Sicilia – I licenziamenti sono sempre un fatto doloroso. Questo accordo però è l’unico che poteva garantire i lavoratori. Abbiamo chiesto e ottenuto che a coloro i quali passeranno nell’azienda subentrante vengano garantite condizioni economiche e normative antecedenti al Jobs act e il riconoscimento dell’articolo 18. Poi è stata riconosciuta ai licenziati un’estensione a 36 mesi del diritto di precedenza in caso di assunzione nelle mense interessate. Infine ai licenziati sarà data precedenza anche in caso di sostituzioni per qualsiasi natura oltre che di eventuale riapertura dei distaccamenti”.

È stato anche previsto che si tenga conto di chi ha già esaurito ferie e permessi, in tutto circa il 40% dei dipendenti interessati: saranno licenziati subito.

mensaEcco dove scatteranno i licenziamenti in Sicilia, che in tutto saranno 30 mentre una dipendente ha rinunciato volontariamente perché trasferita da Termini a Palermo. A Palermo centrale salta un addetto mensa, un aiuto cuoco salta al distaccamento di Brancaccio e altri tre al distaccamento Nord. Due dipendenti licenziati a Corleone, due a Petralia Soprana, due a Termini Imerese. Due addetti mensa licenziati a Nicosia, due a Leonforte, due a Piazza Armerina e due a Modica. E ancora, un magazziniere a Catania centrale, un aiuto cuoco a Paternò, uno al distaccamento dell’aeroporto, due a Randazzo, due a Riposto, due a Caltagirone e un aiuto cuoco e un addetto mensa al Polo didattico.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.