La Rocca - deputato- Cinquestelle- Ars- si-sottopone-al-saggio-grafico :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

La deputata oggi si è presentata dinanzi ai pm

Caso firme false a Cinquestelle, La Rocca torna in Procura e si sottopone al saggio grafico

di
5 Dicembre 2016

E’ tornata questa mattina negli uffici della Procura di Palermo la deputata regionale del Movimento Cinque Stelle, Claudia La Rocca. La prima accusatrice nell’inchiesta sulle firme false per le elezioni Comunali del 2012, anche lei indagata, è stata ascoltata nuovamente dal procuratore aggiunto Dino Petralia e dalla pm Claudia Ferrari, e si è sottoposta al saggio grafico. Proprio per questo motivo è tornata davanti ai pm.

Dopo La Rocca, hanno parlato nei giorni scorsi anche il deputato Giorgio CiaccioGiuseppe Ippolito e Stefano Paradiso, candidati a quelle elezioni. Erano presenti quella sera quando nella stanzetta di un meet up, vicino al porto di Palermo – vennero ricopiate 1.400 firme. Una corsa contro il tempo per rimediare a un errore che avrebbe potuto inficiare la lista al comune del Movimento 5 stelle. Ci sarebbero 1.400 firme false su 1.900, come hanno accertato gli investigatori della Digos.

Nessun aiuto dai deputati Claudia Mannino e Riccardo Nuti, così come dagli altri indagati. I deputati non si sono voluti sottoporre al saggio grafico, mentre ha acconsentito Samanta Busalacchi. Nuti e Di Vita hanno però rotto il silenzio sui social. Messi all’angolo dal Movimento che li ha sospesi per non aver collaborato con i magistrati per la vicenda delle firme false, i ‘monaci‘ di Palermo partono al contrattacco. Dopo giorni di silenzio ha parlato Riccardo Nuti, si difende e denuncia la “gogna” nei suoi confronti. E lo ha fatto anche Giulia Di Vita che contrattacca e lancia il suo avvertimento all’interno del M5s: “chi perora altre cause avrà vita difficile”. Intanto i deputati che non si erano autosospesi, come Ciaccio e La Rocca, sono stati sospesi dal Movimento. Una mossa anche politica in vista del referendum. Intanto, l’inchiesta procede a passi spediti ed entro un paio di settimane si potrebbe arrivare alla chiusura delle indagini.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin