Diffamazione nei confronti del maresciallo di Salemi: condanna definitiva per Sgarbi :ilSicilia.it
Trapani

La vicenda risale a quando il critico era sindaco di Salemi

Diffamazione nei confronti del maresciallo di Salemi: condanna definitiva per Sgarbi

di
30 Ottobre 2020

E’ diventata ormai definitiva la condanna a 2.700 euro di multa che il 18 luglio 2018 il Tribunale di Marsala (giudice monocratico Mariapia Blanda) ha inflitto a Vittorio Sgarbi per diffamazione nei confronti del maresciallo Giovanni Teri, ex comandante della stazione dei carabinieri di Salemi (Tp), Comune di cui Sgarbi è stato sindaco dal 2008 al 2012.

Adesso, la quinta sezione della Cassazione ha dichiarato “inammissibile” il ricorso che il critico d’arte, attuale deputato nazionale del centrodestra, aveva presentato contro la condanna di secondo della Corte d’appello di Palermo. La Cassazione ha anche condannato Sgarbi al pagamento delle spese processuali, nonché di 3 mila euro in favore delle spese sostenute dalle due parti civili, liquidate in 3 mila euro ciascuna.

Con Sgarbi, era stata condannata (a 2 mila euro di multa) anche l’ex vice sindaco Antonella Favuzza, di 61 anni. Ed entrambi erano stati condannati a risarcire il danno procurato al sottufficiale dell’Arma, costituitosi parte civile. La Cassazione, però, ha annullato la condanna subita in primo e secondo grado dalla Favuzza, revocando anche il risarcimento danni.

Secondo l’accusa, Sgarbi e Favuzza, per i quali il pm, in primo grado, aveva invocato 9 mesi di reclusione, avrebbero “in più occasioni” rilasciato dichiarazioni “tendenti a gettare discredito sull’operato” del sottufficiale, paventando anche qualche rapporto o conoscenza con Pino Giammarinaro, ex deputato regionale della Dc, corrente andreottiana, poi coinvolto in varie indagini.

Ma la “conoscenza” che il maresciallo Teri avrebbe avuto di Giammarinaro sarebbe stata di altra natura, cioè investigativa. Teri, infatti, aveva svolto attività di pg nell’ambito dell’indagine che in seguito verrà battezzata “Salus Iniqua” e in altre che poi furono alla base del provvedimento sfociato nello scioglimento del Comune di Salemi per infiltrazioni mafiose. Indagini che Sgarbi definì “corrotte perché senza alcun riscontro oggettivo”, affermando inoltre: “Si trasformano maldicenze e chiacchiericcio in ipotesi di reato”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin