Diffamazione nei confronti del maresciallo di Salemi: condanna definitiva per Sgarbi :ilSicilia.it
Trapani

La vicenda risale a quando il critico era sindaco di Salemi

Diffamazione nei confronti del maresciallo di Salemi: condanna definitiva per Sgarbi

di
30 Ottobre 2020

E’ diventata ormai definitiva la condanna a 2.700 euro di multa che il 18 luglio 2018 il Tribunale di Marsala (giudice monocratico Mariapia Blanda) ha inflitto a Vittorio Sgarbi per diffamazione nei confronti del maresciallo Giovanni Teri, ex comandante della stazione dei carabinieri di Salemi (Tp), Comune di cui Sgarbi è stato sindaco dal 2008 al 2012.

Adesso, la quinta sezione della Cassazione ha dichiarato “inammissibile” il ricorso che il critico d’arte, attuale deputato nazionale del centrodestra, aveva presentato contro la condanna di secondo della Corte d’appello di Palermo. La Cassazione ha anche condannato Sgarbi al pagamento delle spese processuali, nonché di 3 mila euro in favore delle spese sostenute dalle due parti civili, liquidate in 3 mila euro ciascuna.

Con Sgarbi, era stata condannata (a 2 mila euro di multa) anche l’ex vice sindaco Antonella Favuzza, di 61 anni. Ed entrambi erano stati condannati a risarcire il danno procurato al sottufficiale dell’Arma, costituitosi parte civile. La Cassazione, però, ha annullato la condanna subita in primo e secondo grado dalla Favuzza, revocando anche il risarcimento danni.

Secondo l’accusa, Sgarbi e Favuzza, per i quali il pm, in primo grado, aveva invocato 9 mesi di reclusione, avrebbero “in più occasioni” rilasciato dichiarazioni “tendenti a gettare discredito sull’operato” del sottufficiale, paventando anche qualche rapporto o conoscenza con Pino Giammarinaro, ex deputato regionale della Dc, corrente andreottiana, poi coinvolto in varie indagini.

Ma la “conoscenza” che il maresciallo Teri avrebbe avuto di Giammarinaro sarebbe stata di altra natura, cioè investigativa. Teri, infatti, aveva svolto attività di pg nell’ambito dell’indagine che in seguito verrà battezzata “Salus Iniqua” e in altre che poi furono alla base del provvedimento sfociato nello scioglimento del Comune di Salemi per infiltrazioni mafiose. Indagini che Sgarbi definì “corrotte perché senza alcun riscontro oggettivo”, affermando inoltre: “Si trasformano maldicenze e chiacchiericcio in ipotesi di reato”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.