Differenziata: cambiano orari e giorni a Palermo. Ecco le novità :ilSicilia.it
Palermo

a partire da lunedì 25 novembre

Differenziata: cambiano orari e giorni a Palermo. Ecco le novità

di
22 Novembre 2019

L’Amministrazione comunale ha provveduto a emanare due nuove ordinanze sindacali, rispettivamente la n. 259 e la n.260 che regolamentano, la prima, con dei nuovi orari e giorni, i conferimenti di alcune utenze, sia commerciali che domestiche, nell’area servita dal programma di raccolta differenziata porta a porta denominato “Palermo differenzia”, “Palermo differenzia 2”, località di Mondello e Sferracavallo, la seconda, l’attivazione ex novo in via Ugo La Malfa e via Pietro Nenni della raccolta differenziata porta a porta.

Le due ordinanze saranno esecutive a partire da lunedì 25 novembre 2019.

In riferimento all’ordinanza n.259, le modifiche riguardano:

  • Nello specifico, per tutti, sia attività domestiche che non domestiche (commerciali):
  • l’esposizione serale delle frazioni RD è stata estesa ad un’altra ora. Il nuovo orario va dalle ore 19 alle 22 (anziché 20 -22);
  • La raccolta del residuo non riciclabile avverrà un solo giorno a settimana anziché due e cioè il Martedì; mentre il Venerdì si dovrà esporre la carta (anzichè nei diversi giorni della settimana dei vari step).

Solo per le utenze domestiche:

  • L’esposizione del vetro nel primo step del PAD 2 (Strasburgo) dovrà avvenire il venerdì, mentre per lo step due PAD 2 (Politeama – Massimo) il giovedì.

Per le utenze non domestiche (attività commerciali):

  • il cartone verrà raccolto il martedì, giovedì e sabato, con esposizione 13 -14;
  • il vetro, il mercoledì e venerdì, con esposizione dalle 13 alle 14;
  • la plastica/ Metallo, il lunedì dalle 13 alle ore 14, e il Mercoledì dalle 19 alle 22.
  • La raccolta dell’organico rimane invariata con esposizione, tutti i giorni, dalle 13 alle ore 14.
  • Si precisa che le modalità di esposizione delle varie frazione al momento rimangono invariate per il terzo step Palermo differenzia 2 (Centro Storico – Borgo Vecchio ); quindi sono validi i vecchi calendari.

Al fine di dare massima comunicazione e diffusione sulle modifiche di cui sopra, l’Amministrazione comunale di concerto con  Rap ha disposto un piano di comunicazione per incentivare la Raccolta Differenziata in città, ma nel contempo informare, tramite la spedizione di una lettera, i residenti ricadenti nell’area servita dal porta a porta sulle nuove modalità di raccolta ed esposizione carrellati. In corso, infatti, vi è la distribuzione dell’informativa a 60.000 famiglie e 23.000 esercizi commerciali e studi professionali.

Nella lettera si sottolinea che i rifiuti correttamente differenziati non finiscono in discarica, ma danno vita a nuovi prodotti e che l’Amministrazione punta molto anche sulla valorizzazione dei CCR, soprattutto per contrastare il fenomeno dell’abbandono degli ingombranti: nei nuovi calendari è stato infatti creato e sottolineato graficamente un nuovo spazio destinato appunto ad informare su come smaltire i rifiuti ingombranti.

Viene anche sottolineato che il numero dei CCR è destinato a crescere, dagli attuali 3 (viale dei Picciotti, Piazzetta della Pace e via Nicoletti) ad almeno 5 entro la fine dell’anno.

L’utenza interessata potrà acquisire dettagliate informazioni sia sui territori serviti che sulle modalità e orari dei conferimenti consultando il sito della RAP : QUI i nuovi calendari.

La campagna informativa della RAP sulla raccolta differenziata, con slogan “non istituzionali” come “Nzoccu lassi trovi” oppure “Game over“, che è comunque indirizzata a tutti, sottolinea alcuni dati sulla eccessiva produzione di rifiuti indifferenziati da parte dei cittadini di Palermo (circa 1,5 kg al giorno, dato fra i più alti d’Europa) ed invita innanzitutto alla riduzione, attraverso la rinuncia ai prodotti “usa e getta” e agli imballaggi di plastica.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.