Differenziata flop a Palermo: la Corte dei conti assolve Crocetta, Lombardo, Orlando e Cammarata :ilSicilia.it
Palermo

La denuncia era stata di Claudia Mannino (ex M5S)

Differenziata flop a Palermo: la Corte dei conti assolve Crocetta, Lombardo, Orlando e Cammarata

di
31 Dicembre 2019

I giudici della Corte dei conti hanno assolto gli ex presidenti della Regione, Raffaele Lombardo e crocetta-tristeRosario Crocetta, l’ex sindaco di Palermo Diego Cammarata e l’attuale sindaco di Palermo Leoluca Orlando e gli assessori Michele Pergolizzi, Giuseppe Barbera e Cesare La Piana per il flop della raccolta differenziata nel capoluogo.

La procura della Corte dei Conti li aveva citati tutti a giudizio per un presunto danno erariale di 9 milioni e 500 mila euro. Al centro della contestazione il mancato avvio della differenziata tra il 2012 e il 2014. L’indagine era nata da un esposto del Movimento 5 stelle, prima firmataria l’ex deputata Claudia Mannino, in seguito al quale la Guardia di finanza aveva avviato alcune indagini. I livelli della raccolta differenziata erano rimasti fermi al 9 per cento dal 2011 al 2013, mentre nel 2014 erano addirittura diminuiti all’8%.

Leoluca OrlandoNel frattempo, il Comune ha pagato alla controllata ex Amia 98 euro a tonnellata dal 2011 al 2013 e 65 euro nel 2014. Il danno era stato stimato prendendo a riferimento i livelli di differenziata previsti dalla legge regionale del 2010, poi modificati successivamente nel nuovo piano regionale. I magistrati contabili nella citazione avevano contestato un danno di 970 mila euro a Raffaele Lombardo e di 620 mila euro a Rosario Crocetta, in qualità di commissari con poteri speciali. L’ex sindaco di Palermo Diego Cammarata aveva una citazione per 180 mila euro, e l’attuale sindaco Leoluca Orlando per 3,7 milioni; coinvolti anche due suoi ex assessori all’Ambiente, il professore Giuseppe Barbera, al quale la Corte chiedeva 2,7 milioni di euro e Cesare La Piana, citato per 1 milione di euro.

Per i giudici della Corte dei Conti, presieduta da Guido Carlino, le responsabilità del flop della differenziata non possono essere imputabili agli amministratori in quanto tali per la loro posizione visto che “nella materia di cui si tratta – scrivono i giudici – la disciplina unitaria può incontrare effettive possibilità di attuazione in misura differenziata, a seconda dei contesti territoriali e sociali di volta in volta interessati”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin