Differenziata flop a Palermo: la Corte dei conti assolve Crocetta, Lombardo, Orlando e Cammarata :ilSicilia.it
Palermo

La denuncia era stata di Claudia Mannino (ex M5S)

Differenziata flop a Palermo: la Corte dei conti assolve Crocetta, Lombardo, Orlando e Cammarata

di
31 Dicembre 2019

I giudici della Corte dei conti hanno assolto gli ex presidenti della Regione, Raffaele Lombardo e crocetta-tristeRosario Crocetta, l’ex sindaco di Palermo Diego Cammarata e l’attuale sindaco di Palermo Leoluca Orlando e gli assessori Michele Pergolizzi, Giuseppe Barbera e Cesare La Piana per il flop della raccolta differenziata nel capoluogo.

La procura della Corte dei Conti li aveva citati tutti a giudizio per un presunto danno erariale di 9 milioni e 500 mila euro. Al centro della contestazione il mancato avvio della differenziata tra il 2012 e il 2014. L’indagine era nata da un esposto del Movimento 5 stelle, prima firmataria l’ex deputata Claudia Mannino, in seguito al quale la Guardia di finanza aveva avviato alcune indagini. I livelli della raccolta differenziata erano rimasti fermi al 9 per cento dal 2011 al 2013, mentre nel 2014 erano addirittura diminuiti all’8%.

Leoluca OrlandoNel frattempo, il Comune ha pagato alla controllata ex Amia 98 euro a tonnellata dal 2011 al 2013 e 65 euro nel 2014. Il danno era stato stimato prendendo a riferimento i livelli di differenziata previsti dalla legge regionale del 2010, poi modificati successivamente nel nuovo piano regionale. I magistrati contabili nella citazione avevano contestato un danno di 970 mila euro a Raffaele Lombardo e di 620 mila euro a Rosario Crocetta, in qualità di commissari con poteri speciali. L’ex sindaco di Palermo Diego Cammarata aveva una citazione per 180 mila euro, e l’attuale sindaco Leoluca Orlando per 3,7 milioni; coinvolti anche due suoi ex assessori all’Ambiente, il professore Giuseppe Barbera, al quale la Corte chiedeva 2,7 milioni di euro e Cesare La Piana, citato per 1 milione di euro.

Per i giudici della Corte dei Conti, presieduta da Guido Carlino, le responsabilità del flop della differenziata non possono essere imputabili agli amministratori in quanto tali per la loro posizione visto che “nella materia di cui si tratta – scrivono i giudici – la disciplina unitaria può incontrare effettive possibilità di attuazione in misura differenziata, a seconda dei contesti territoriali e sociali di volta in volta interessati”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Moderati per sopravvivere

Si torna a parlare di un partito dei “moderati” che - come ci informa Belzebù nell’articolo di questi giorni - dovrebbe mettere insieme i cespugli della politica italiana: Italia Viva di Matteo Renzi, Azione di Carlo Calenda, Più Europa di Emma Bonino e Forza  Italia o almeno una sua parte. Un’adesione che finora, però, è più una speranza che una certezza
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.