Dimissioni Nicolosi, Micciché al sindaco di Corleone: "Non cedere ai demagoghi" :ilSicilia.it
Palermo

il commento dell'avvocato

Dimissioni Nicolosi, Micciché al sindaco di Corleone: “Non cedere ai demagoghi”

di
7 Marzo 2021

Il presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè è intervenuto sulla vicenda che riguarda il sindaco di Corleone, Nicolò Nicolosi, dimissionario dopo le polemiche che lo hanno travolto per avere fatto il vaccino.

Invito fermamente il sindaco di Corleone Nicolosi a non cedere alla vergognosa demagogia di gentaglia populista. Caro Ciccio, hai 79 anni e ti devi vergognare di avere fatto il vaccino prima di altri?! Sai quanta gente si sta vaccinando prima di te, avendone probabilmente meno diritto?! Nonostante tu non faccia parte del mio partito, so che persona sei e con quanto amore stai lavorando per la tua città, nonostante mille difficoltà. Darla vinta ai demagoghi sarebbe un grave errore. Non mollare!“,  ha commentato Miccichè sul suo profilo Facebook.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin