Dipendenti comunali in pensione, con gli uffici vuoti possibili disagi per i cittadini :ilSicilia.it
Palermo

l'audizione in commissione bilancio

Dipendenti comunali in pensione, con gli uffici vuoti possibili disagi per i cittadini

di
18 Giugno 2019

La commissione Bilancio ha ascoltato il Dirigente al personale, sul tavolo sono stati messi i numeri relativamente ai possibili risparmi derivanti dalla “quota 100” e per la andata in quiescenza dei dipendenti comunali.

Sandro TerraniAd oggi i numeri riferiti in commissione dagli uffici del personale si attestano a circa 309 unità che andranno in pensione, secondo il capogruppo del Mov139, Sandro Terrani, “é un’occasione da non perdere per integrare altre ore ai dipendenti comunali che oggi hanno contratti part-time. Certamente questa è, oltre che un fatto di numeri è una decisione politica che per quanto mi riguarda porterò negli appositi tavoli che ci saranno nei prossimi giorni. Infatti, ho chiesto che ci sia un incontro con l’assessore al Bilancio, l’assessore al Personale ed il Ragioniere Generale, per capire quali e quanti sono i margini di manovra“.

Durante la seduta della commissione bilancio con la dottoressa Di Trapani, ho avuto un serrato confronto sulle politiche del personale e sulle ricadute negative per i servizi ai cittadini a seguito dei massicci pensionamenti in essere al Comune di Palermo – dichiara il consigliere comunale Fabrizio Ferrandelli (+Europa).

Ho richiesto un incontro urgente con il ragioniere generale, l’assessore al bilancio e quello al personale, al fine di determinare un percorso condiviso che avvii le procedure per accantonare le somme risparmiare in un apposito fondo destinato al funzionamento della macchina amministrativa. È inoltre necessario affiancare questo percorso ad un confronto con le forze sindacali, al fine di poter al meglio determinare priorità e procedure. E più nello specifico – continua Ferrandelli- da quali settori partiamo? Dalle aree tecniche o dagli asili nido? Dai servizi alla cittadinanza o dalla polizia municipale? Procediamo con l’aumento ore ai part-time già in carico al comune o con nuovi concorsi per avere un’orizzonte temporale più ampio negli anni? O, ancora, riuscendo a coniugare entrambe le opportunità?”.

Credo che questo approccio sia il più serio e proficuo e su questo approccio offriamo massima collaborazione al fine di addivenire ad un quadro di riorganizzazione che farà di certo bene a chi lavora per la città e a chi la vive. Il rischio, se non interveniamo tempestivamente, – conclude Ferrandelli- è che i servizi già lenti ed inefficienti subiscano ritardi ancora più significativi e insostenibili mandando la città e l’amministrazione in tilt”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.