Dipendenti comunali in pensione, con gli uffici vuoti possibili disagi per i cittadini :ilSicilia.it
Palermo

l'audizione in commissione bilancio

Dipendenti comunali in pensione, con gli uffici vuoti possibili disagi per i cittadini

di
18 Giugno 2019

La commissione Bilancio ha ascoltato il Dirigente al personale, sul tavolo sono stati messi i numeri relativamente ai possibili risparmi derivanti dalla “quota 100” e per la andata in quiescenza dei dipendenti comunali.

Sandro TerraniAd oggi i numeri riferiti in commissione dagli uffici del personale si attestano a circa 309 unità che andranno in pensione, secondo il capogruppo del Mov139, Sandro Terrani, “é un’occasione da non perdere per integrare altre ore ai dipendenti comunali che oggi hanno contratti part-time. Certamente questa è, oltre che un fatto di numeri è una decisione politica che per quanto mi riguarda porterò negli appositi tavoli che ci saranno nei prossimi giorni. Infatti, ho chiesto che ci sia un incontro con l’assessore al Bilancio, l’assessore al Personale ed il Ragioniere Generale, per capire quali e quanti sono i margini di manovra“.

Durante la seduta della commissione bilancio con la dottoressa Di Trapani, ho avuto un serrato confronto sulle politiche del personale e sulle ricadute negative per i servizi ai cittadini a seguito dei massicci pensionamenti in essere al Comune di Palermo – dichiara il consigliere comunale Fabrizio Ferrandelli (+Europa).

Ho richiesto un incontro urgente con il ragioniere generale, l’assessore al bilancio e quello al personale, al fine di determinare un percorso condiviso che avvii le procedure per accantonare le somme risparmiare in un apposito fondo destinato al funzionamento della macchina amministrativa. È inoltre necessario affiancare questo percorso ad un confronto con le forze sindacali, al fine di poter al meglio determinare priorità e procedure. E più nello specifico – continua Ferrandelli- da quali settori partiamo? Dalle aree tecniche o dagli asili nido? Dai servizi alla cittadinanza o dalla polizia municipale? Procediamo con l’aumento ore ai part-time già in carico al comune o con nuovi concorsi per avere un’orizzonte temporale più ampio negli anni? O, ancora, riuscendo a coniugare entrambe le opportunità?”.

Credo che questo approccio sia il più serio e proficuo e su questo approccio offriamo massima collaborazione al fine di addivenire ad un quadro di riorganizzazione che farà di certo bene a chi lavora per la città e a chi la vive. Il rischio, se non interveniamo tempestivamente, – conclude Ferrandelli- è che i servizi già lenti ed inefficienti subiscano ritardi ancora più significativi e insostenibili mandando la città e l’amministrazione in tilt”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin