Dipendenti comunali in pensione, con gli uffici vuoti possibili disagi per i cittadini :ilSicilia.it
Palermo

l'audizione in commissione bilancio

Dipendenti comunali in pensione, con gli uffici vuoti possibili disagi per i cittadini

18 Giugno 2019

La commissione Bilancio ha ascoltato il Dirigente al personale, sul tavolo sono stati messi i numeri relativamente ai possibili risparmi derivanti dalla “quota 100” e per la andata in quiescenza dei dipendenti comunali.

Sandro TerraniAd oggi i numeri riferiti in commissione dagli uffici del personale si attestano a circa 309 unità che andranno in pensione, secondo il capogruppo del Mov139, Sandro Terrani, “é un’occasione da non perdere per integrare altre ore ai dipendenti comunali che oggi hanno contratti part-time. Certamente questa è, oltre che un fatto di numeri è una decisione politica che per quanto mi riguarda porterò negli appositi tavoli che ci saranno nei prossimi giorni. Infatti, ho chiesto che ci sia un incontro con l’assessore al Bilancio, l’assessore al Personale ed il Ragioniere Generale, per capire quali e quanti sono i margini di manovra“.

Durante la seduta della commissione bilancio con la dottoressa Di Trapani, ho avuto un serrato confronto sulle politiche del personale e sulle ricadute negative per i servizi ai cittadini a seguito dei massicci pensionamenti in essere al Comune di Palermo – dichiara il consigliere comunale Fabrizio Ferrandelli (+Europa).

Ho richiesto un incontro urgente con il ragioniere generale, l’assessore al bilancio e quello al personale, al fine di determinare un percorso condiviso che avvii le procedure per accantonare le somme risparmiare in un apposito fondo destinato al funzionamento della macchina amministrativa. È inoltre necessario affiancare questo percorso ad un confronto con le forze sindacali, al fine di poter al meglio determinare priorità e procedure. E più nello specifico – continua Ferrandelli- da quali settori partiamo? Dalle aree tecniche o dagli asili nido? Dai servizi alla cittadinanza o dalla polizia municipale? Procediamo con l’aumento ore ai part-time già in carico al comune o con nuovi concorsi per avere un’orizzonte temporale più ampio negli anni? O, ancora, riuscendo a coniugare entrambe le opportunità?”.

Credo che questo approccio sia il più serio e proficuo e su questo approccio offriamo massima collaborazione al fine di addivenire ad un quadro di riorganizzazione che farà di certo bene a chi lavora per la città e a chi la vive. Il rischio, se non interveniamo tempestivamente, – conclude Ferrandelli- è che i servizi già lenti ed inefficienti subiscano ritardi ancora più significativi e insostenibili mandando la città e l’amministrazione in tilt”.

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.