Direttrici ferroviarie al Sud, Provenzano: "Accumulati ritardi e criticità" :ilSicilia.it
Catania

la dichiarazione

Direttrici ferroviarie al Sud, Provenzano: “Accumulati ritardi e criticità”

di
14 Settembre 2020

“Ho voluto questo incontro per analizzare le criticità che sono emerse, in alcuni casi molto gravi, per tracciare con il soggetto attuatore RFI e con le amministrazioni competenti un serio e credibile percorso di recupero dei ritardi accumulati“. Cosi’ il ministro per il Sud e la Coesione Territoriale Giuseppe Provenzano nel corso della riunione convocata a Roma con i Comitati di Coordinamento dei Contratti istituzionali di Sviluppo (CIS) per la realizzazione delle Direttrici ferroviarie “Napoli-Bari-Lecce-Taranto”, “Salerno-Reggio Calabria” e “Messina-Catania-Palermo“, alla presenza dei ministeri dell’Economia e delle Finanze, delle Infrastrutture e dei Trasporti, dell’Ambiente, dei Beni della Attività Culturali, di Rete Ferroviaria italiana e delle Regioni Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia.

Il ministro ha voluto fare “il punto della situazione – si legge nella nota – sullo stato di avanzamento dei CIS a valle dei Comitati di attuazione e sorveglianza che si sono riuniti lo scorso 28 luglio e del lavoro successivo che è stato prodotto, sulla base dei controlli e delle verifiche che l’Agenzia per la Coesione Territoriale nella sua qualità di Responsabile unico del contratto ha svolto nel corso di questi mesi, in particolare sull’andamento dei lavori del 2019″.

“Abbiamo di fronte l’opportunità di una stagione senza precedenti di investimenti – ha proseguito Provenzano -, che devono guardare anche e soprattutto a una nuova infrastrutturazione del nostro territorio, per potenziare e migliorare il diritto alla mobilità che nel Mezzogiorno spesso è limitato, addirittura talvolta negato. Per questo, dobbiamo mostrarci credibili nella realizzazione di quanto già previsto e che i cittadini, specialmente al Sud, attendono da troppo tempo”.

Proprio in ragione della strategicità che queste opere ferroviarie rivestono per le politiche di coesione (che in gran parte le finanziano), scopo della riunione è “un’ulteriore accelerazione nella fase realizzativa rispetto al 2019, da raggiungere anche grazie a una sinergica azione di impulso da parte del Ministero delle Infrastrutture, presente all’incontro con il sottosegretario Salvatore Margiotta“.

Dall’incontro è purtroppo emersa una “performance insoddisfacente” di diversi interventi sulle tre direttrici ferroviarie, anche di quelli commissariati, per i quali, secondo la relazione dell’ACT, “le accelerazioni attese non sono ancora pienamente riscontrabili”.
La riunione ha consentito di evidenziare alcune “criticità di rilievo, quali la stima della presenza di economie di circa 20 milioni di euro non dichiarate dal soggetto attuatore”.

I progressi nel 2019 “riguardano quasi esclusivamente la Napoli-Bari“, mentre gravemente deficitario è “lo stato di avanzamento sulla direttrice ferroviaria Messina-Catania-Palermo”.

Per quest’ultimo CIS, infatti, la relazione ha evidenziato “una capacità di spesa molto contenuta nel 2019, con una valutazione finale di limitata affidabilita’ della data di fine lavori dichiarata”. Secondo il soggetto attuatore, tali criticità sono connesse perlopiù a eventi di forza maggiore e ritardi nelle procedure autorizzative da parte di varie amministrazioni.

Sulla direttrice Messina-Catania-Palermo, in considerazione di tali criticità, il ministro ha chiuso l’incontro dichiarandosi “gravemente insoddisfatto” e chiedendo a RFI un quadro puntuale delle difficoltà incontrate sia di natura autorizzativa che attuativa, una maggiore trasparenza e celerità nella trasmissione delle informazioni sul monitoraggio, e all’Agenzia per la coesione di condurre i controlli anche attraverso sopralluoghi sull’esecuzione dei lavori, aggiornando il Comitato nei prossimi trenta giorni.

Sulle direttrici Napoli-Bari e Salerno-Reggio Calabria, infine, il Comitato si è concluso con l’indicazione al soggetto attuatore di recepire le raccomandazioni espresse dalla relazione del RUC.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.