Dirigenti licenziati, il Tar dà ragione a De Luca e lui esulta: "Comando io" :ilSicilia.it
Messina

lo scontro tra il sindaco di Messina e la burocrazia

Dirigenti licenziati, il Tar dà ragione a De Luca e lui esulta: “Comando io”

di
21 Novembre 2019

Il Tar di Catania, con apposito pronunciamento della Seconda sezione, dà ragione al Comune di Messina nella battaglia tra la casa municipale e alcuni dirigenti che avevano fatto ricorso per opporsi ai provvedimenti adottati dal sindaco Cateno De Luca nei confronti della burocrazia di Palazzo Zanca. “I dirigenti comunali hanno preso un bel calcio nel sedere anche dal Tar, ora a casa”, annuncia con soddisfazione De Luca.

Poi, oltre a commentare la decisione del Tar che ha rigettato la richiesta cautelare di sospensiva e/o annullamento della delibera n. 485 del 22 luglio scorso, De Luca lancia il suo monito alla macchina burocratica del Comune: “I dirigenti comunali superstiti se non si adegueranno ai sani principi del buon andamento della pubblica amministrazione saranno mandati a casa. Siamo il primo Comune in Italia ad aver licenziato dei dirigenti comunali inossidabili padroni del pastificio”. De Luca contesta ai funzionari di non aver agito nell’interesse “della comunità”.

“Un plauso – aggiunge il primo cittadino – va al nostro segretario generale, Rossana Carrubba, che ha curato tutta la procedura giuridico amministrativa del licenziamento dei dirigenti comunali. Comanda il Sindaco nel palazzo municipale e non i dirigenti comunali”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.