Diritti umani: Raizes Teatro e il Comune di Palermo a supporto degli attivisti, della libertà e della pace :ilSicilia.it
Palermo

l'annuncio

Diritti umani: Raizes Teatro e il Comune di Palermo a supporto degli attivisti, della libertà e della pace

di
26 Febbraio 2021

Il Comune di Palermo e l’assessorato alle Culture, in collaborazione con la compagnia Raizes Teatro, hanno inaugurato una nuova campagna a sostegno e ricordo del percorso umano di sei rappresentanti della lotta per i diritti umani e portatori di pace: Patrick Zaki, Marielle Franco, Shady Habash, Nasrin Sotoudeh, Salvatore Gurreri, Loujain Alhathlou, Willy Monteiro Duarte.

Ieri, da uno dei balconi principali di Palazzo delle Aquile, sede di rappresentanza del  Comune, è stata esposta una gigantografia che raffigura Patrick Zaki, di cui l’associazione e l’amministrazione chiedono la liberazione. Patrick Zaki, attivista e ricercatore egiziano, si trova dall’8 febbraio 2020 in detenzione preventiva in Egitto fino a data da destinarsi.

Da lunedì 1 marzo i poster di tutti e sei gli attivisti invaderanno pacificamente la città. L’illustratrice che ha realizzato i sei poster è l’attrice Marina Mazzamuto, membro di Raizes Teatro. E’ stata proprio la  nota compagnia palermitana, fondata da Alessandro Ienzi, ad ideare la campagna divulgativa.

Il nostro obiettivo è comunicare che la libertà esiste, è dentro di noi ed è così che dobbiamo pensare la nostra società: libera – dice Ienzi -. Diffondere dei modelli positivi come questi sei portatori di pace è un passo importante. I poster recano i loro nomi. Interessiamoci alle loro storie e pensiamo che cosa possono insegnarci. Abbiamo trovato un appoggio importante nel sindaco Orlando, che da sempre si spende per i diritti umani, nell’assessore Mario Zito e nell’amministrazione, che hanno abbracciato con entusiasmo l’iniziativa, mettendo a disposizione i luoghi espositivi. Continuiamo a seminare”.

Questi attivisti sono un esempio di civiltà e di libertà – dice Marina Mazzamuto -;  in ogni poster, oltre ai loro volti e ai loro nomi, ho inserito dei simboli, un accenno di storia, un elemento che racconta anche della libertà o del diritto che ciascuno di essi tutela con la propria attività. La bocca di Zaki, ad esempio, è serrata dalla chiave di chi sta tentando di evitare che, con le sue parole e i suoi studi, Patrick possa diventare il promotore di libertà e diritto che è”.

L’11 marzo prossimo, alle 18, Raizes Teatro proporrà in streaming una performance dedicata ai sei portatori di pace. La  performance art sarà trasmessa sui canali social e sul sito della compagnia.

Nei prossimi mesi Raizes Teatro condurrà una campagna sulla giustizia condivisa da Avant Garde Lawyers, NGO di avvocati guidata da Andrà Matei, che a Parigi offre assistenza legale agli artisti che nel mondo vengono privati dei diritti civili e della libertà di espressione e che aveva già assistito Shady Habash, deceduto il 1 maggio 2020 nella prigione di Tora al Cairo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin