Diritto allo studio e finanziamenti: la protesta degli universitari siciliani :ilSicilia.it
Palermo

I tagli penalizzano gli atenei del sud

Diritto allo studio e finanziamenti: la protesta degli universitari siciliani

24 Novembre 2017

Gli studenti universitari siciliani aderiscono alla mobilitazione nazionale per il riscatto dell’università pubblica indetta per oggi, 24 novembre.

Sia all’università di Palermo che in quella di Catania sono stati esposti numerosi striscioni per denunciare il definanziamento degli Atenei del Sud, una protesta che continua dal 2008 in tutte le università italiane e che investe anche i ricercatori, i docenti precari, i dottorandi e il personale tecnico-amministrativo.

Secondo quanto denunciato dagli studenti, la progressiva diminuzione degli investimenti statali sta comportando proprio nelle università del Sud un significativo abbassamento del diritto allo studio e, quindi, della qualità della offerta formativa e dei servizi e delle agevolazioni per gli studenti quali borse di studio e alloggi. Processo, questo, che costringe tanti giovani a emigrare dalla propria terra alla ricerca di atenei che offrano più possibilità di accesso, un’ offerta formativa migliore e più chance per un lavoro in linea con gli standard imposti dal mercato.

Occorre portare avanti una politica di rifinanziamento complessivo dell’Università – afferma Gianmarco Codraro, studente della facoltà di Ingegneria e portavoce del Collettivo Universitario Autonomo di Palermo – che consenta a chi è già in servizio di progredire e a noi giovani di godere pienamente del diritto allo studio quindi di accedere liberamente all’università e formarci adeguatamente senza dover emigrare“.

Sempre nel quadro della giornata di mobilitazione nazionale, continua la mobilitazione dell”‘Assemblea degli studenti di Scienze Politiche in lotta” che proprio stamani hanno incontrato il rettore Fabrizio Micari per consegnargli più di 400 firme raccolte in questi giorni al fine di richiedere un servizio mensa. “Ringraziamo il Rettore per aver completato la riapertura del Collegio S.Rocco rendendolo dunque fruibile e anche per l’impegno e la sensibilità, oggi palesati, in relazione all’apertura e all’utilizzo di spazi a disposizione degli studenti” ha afferma lo studente Giorgio Tavella.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.