Diritto allo studio ed enti locali: il convegno a Pettineo :ilSicilia.it
Messina

Sabato 26 ottobre

Diritto allo studio ed enti locali: il convegno a Pettineo

di
23 Ottobre 2019

Sabato 26 ottobre, alle ore 10, presso l’aula consiliare del Comune di Pettineo (Me) si terrà il convegno “Ambiti di competenza e ruoli degli enti locali a fronte della nuova legge regionale sul diritto allo studio“. L’evento è organizzato dal gruppo di amministratori locali siciliani – già promotore degli incontri con il presidente della Regione Nello Musumeci, con l’assessore Regionale alle Infrastrutture Marco Falcone ed il presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè – in collaborazione con l’Asael e la Scuola politica del Mezzogiorno.

All’evento, oltre ad una nutrita delegazione di amministratori provenienti da tutto il territorio regionale, interverranno: Gianfranco Gentile, presidente del Consiglio comunale di Pettineo e coordinatore della Scuola Politica del Mezzogiorno; Matteo Cocchiara, presidente dell’Asael; Domenico Ruffino, sindaco di Pettineo; Danilo Lo Giudice, parlamentare e componente Commissione Cultura Ars; Giuseppe Di Rosa, avvocato esperto in Enti Locali e Nino Interdonato, vicepresidente del Consiglio comunale di Messina e consigliere nazionale Anci. Le conclusioni saranno affidate agli assessori regionali all’Istruzione e alle Autonomie locali, Roberto Lagalla e Bernardette Grasso.

Siamo veramente contenti – dichiara Gianfranco Gentile, promotore dell’iniziativa – che gli assessori regionali Roberto Lagalla e Bernardette Grasso abbiano manifestato l’assoluta disponibilità di incontrare un considerevole numero di amministratori per discutere principalmente della nuova legge regionale sul diritto allo studio ma, essendo presenti svariati rappresentanti degli enti locali, la discussione si potrà certamente approfondire anche su altri aspetti cari alle nostre comunità. Tutto ciò testimonia che il percorso intrapreso da tanti amministratori comunali è certamente un buon viatico per affrontare nella maniera migliore le argomentazioni che riguardano i nostri territori“.

Finalmente la Sicilia, alla pari delle altre regioni italiane, è dotata di una legge sul diritto allo studio – spiega l’assessore Roberto Lagalla – un traguardo importante per il nostro sistema scolastico, perché rappresenta uno strumento indispensabile al fine di garantire agli studenti pari opportunità nell’accesso agli studi e maggiori servizi. Grazie alla legge, infatti, potremo lavorare per potenziare i servizi per alunni disabili o con disturbi specifici dell’apprendimento, per la valorizzazione delle scuole nelle isole minori, aree montane o metropolitane soggette a degrado sociale, per contrastare il fenomeno della dispersione scolastica, in materia di edilizia scolastica e molto altro. L’incontro di sabato sarà certamente un’importante occasione di confronto grazie anche alla presenza dell’assessore Grasso“.

Un rapporto efficace fra l’ente locale e l’istituzione scolastica – dichiara l’assessore Bernardette Grasso – rappresenta, senza alcun dubbio, un elemento imprescindibile all’interno della comunità territoriale. Con la nuova legge sul diritto allo studio, voluta dal governo regionale, su iniziativa dell’assessore Lagalla, enti locali e scuole sono chiamati, una volta di più, a lavorare in modo sinergico e proficuo verso obiettivi comuni, per far sì che tutti gli studenti, nessuno escluso, possano sempre avere a disposizione spazi, servizi e strumenti idonei ad un percorso formativo adeguato“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“È arrivato Zampanò!”

Non posso non constatare che da qualche anno si è dichiarato guerra alla strada. Io sono cresciuto per strada, ho giocato sui marciapiedi, e a pallone per strada perché di certo non sapevo che cosa fosse un campo in erba...
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.