Diritto allo studio, Piana degli Albanesi: "Salvaguardare comunità Arbëreshë di Sicilia" :ilSicilia.it
Palermo

Lo dice il sindaco Rosario Petta

Diritto allo studio, Piana degli Albanesi: “Salvaguardare comunità Arbëreshë di Sicilia”

6 Giugno 2019

Il sindaco di Piana degli Albanesi (PA) Rosario Petta commenta positivamente la legge sul diritto allo studio approvata ieri all’Ars: “Cinque giugno 2019: storica giornata, approvata Legge Regionale sul diritto allo studio, finalmente gli studenti siciliani avranno una legge con la quale viene colmato un vuoto storico nell’ordinamento legislativo regionale. La Sicilia era una delle poche Regioni italiane a non avere mai approvato una normativa organica in questo settore determinando forti squilibri nell’accesso ai servizi da parte degli studenti dell’Isola. Una legge che finalmente disciplina, in una logica di continuità, il percorso formativo dei nostri giovani”.

Uno specifico articolo della legge – prosegue Petta – “prevede la Salvaguardia dell’identità linguistica e culturale delle comunità Arbëreshë di Sicilia. Un obiettivo importante per le nostre storiche comunità Arbëreshë di Sicilia.

Ringrazio il Governo Regionale, l’Assessore Lagalla, l’Assemblea Regionale con il Presidente Miccichè ed i colleghi Sindaci dei comuni Arbëreshë dell’Unione Besa: Contessa Entellina, Mezzojuso, Palazzo Adriano e Santa Cristina Gela. La sinergia tra le istituzioni ha dato una svolta per il raggiungimento di un riconoscimento per le nostre comunità legate dal vincolo Storico dell’appartenenza culturale, linguistica e ideologica”.

 

LEGGI ANCHE:

L’Ars approva la legge sul diritto allo studio

Tag:
Cultura
di Renzo Botindari

Musica e Qualità di Vita

Oggi questa città ha più teatri “aperti”, ma nessuno di questi è dotato di una agibilità definitiva per il pubblico spettacolo, nell’attesa di lavori che comportano serie risorse dedicate e destinate alla loro messa in sicurezza. La musica, gli spettacoli meritano e necessitano di spazi propri sia per apprezzarne in pieno la qualità, sia per garantire quella trascurata dalle nostre parti “qualità di vita”, diritto di tutti.