Disagi al Pagliarelli, i detenuti denunciano: poche docce e difficoltà a curarsi :ilSicilia.it
Palermo

problemi strutturali

Disagi al Pagliarelli, i detenuti denunciano: poche docce e difficoltà a curarsi

di
26 Giugno 2019

Il presidente di Antigone Sicilia,  Pino Apprendi, il responsabile regionale dell’Osservatorio carcere dell’UCPI e vice presidente Camera Penale di Palermo Fabio Bognanni e i rappresentanti dell’Osservatorio carcere della Camera Penale di Palermo, Rosalia Zarcone, Anna Bonfiglio e Rita Maccagnano, si sono recati al Carcere Pagliarelli, a seguito dello sciopero della fame dei detenuti dell’alta sicurezza.

La delegazione ha incontrato i rappresentanti dei detenuti che hanno manifestato il disagio che li ha portati anche a forme esasperate di protesta come non andare ai colloqui con i familiari.

I detenuti hanno elencato una serie di richieste in parte accolte nell’immediato come il cambio dei materassi e l’aumento dei kg del pacco per i fuori sede.

Per le docce hanno concordato la possibilità di riscaldarsi un secchio d’acqua con il proprio fornellino e recarsi nelle docce comuni non essendoci docce nelle celle, poco o nulla hanno ottenuto per migliorare la consegna delle medicine sia quelle del carcere che quelle che comprano privatamente. Un altro grave problema per il quale l’Istituto é  abbandonato a se stesso è  il problema legato alla salute mentale, oltre trecento sono i detenuti che fanno uso di medicinali appropriati.

Il carcere ha problemi strutturali, era stato costruito per 700 persone e ne ospita oltre 1300. L’impiantistica é  sottodimensionata e inadeguata. Da decenni denunciamo questa situazione, in estate caldo rovente ed in inverno freddo glaciale. Non stanno meglio gli agenti della Polizia Penitenziaria , il cui organico é inferiore al previsto e  sottodimensionato, come tutti sanno gli agenti vengono utilizzati anche per le traduzioni e per servizi amministrativi vari. Il Ministero fa orecchio da mercante“, lo dice Pino Apprendi, presidente Antigone Sicilia.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.