Disagi canile di Palermo, Sabrina Figuccia: "Necessario aprire un serio dialogo con le associazioni animaliste" :ilSicilia.it
Palermo

la denuncia del consigliere comunale dell'Udc

Disagi canile di Palermo, Sabrina Figuccia: “Necessario aprire un serio dialogo con le associazioni animaliste”

14 Agosto 2019

sabrina figuccia

Dopo l’ultimo recentissimo trasferimento di altri 7 cani dal canile di via Tiro a Segno in Campania è evidente a tutti il metodo che il Comune di Palermo sta adottando“, afferma Sabrina Figuccia, consigliere comunale Udc, che prosegue: “che il canile infatti non funzioni come dovrebbe è noto ormai a tutti e in questi giorni di vacanza la situazione potrebbe precipitare drasticamente, mettendo in serio pericolo questi poveri animali, che già purtroppo sono stati poco fortunati”.

Ritengo assolutamente necessario aprire un serio dialogo con le associazioni animaliste che in questi anni spesso hanno sostituito l’Amministrazione sia nell’adozione di centinaia di cani, che nell’arginare tante difficoltà di gestione. Per questo proporrò l’istituzione di un tavolo tecnico permanente con tutte le commissioni comunale competenti, insieme ai volontari“, conclude la Figuccia.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.