Disagi e traffico a Vergine Maria: residenti chiedono la rimozione della sbarra voluta dal Comune di Palermo :ilSicilia.it
Palermo

Sorte per eliminare i pericoli per l’incolumità pubblica

Disagi e traffico a Vergine Maria: residenti chiedono la rimozione della sbarra voluta dal Comune di Palermo

di
29 Luglio 2018

In funzione ufficialmente da fine giugno le sbarre che inibiscono il transito veicolare nella spiaggia di Vergine Maria continuano a fare discutere.

natale pumaInfatti, sembrerebbe che i residenti attraverso alcuni consiglieri della settima circoscrizione abbiano palesato all’Amministrazione comunale i disagi che per loro sarebbero sorti dall’istituzione delle sbarre e in modo particolare il traffico e il caos causato dalla mancata “area parcheggio” che sarebbe venuta meno con l’inibizone di questo spazio. Per tali ragioni i residenti, attraverso una petizione popolare, avrebbero chiesto di rimuovere momentaneamente la prima sbarra che impedirebbe l’accesso per circa 80 posti auto, chiedendo al Comune di pensare prima alla realizzazione di un’area parcheggio adeguata affinchè in questo modo non venga danneggiata l’economia della borgata. Questo, almeno, è quello che si evince da un post pubblicato su Facebook dal consigliere della VII Circoscrizione Natale Puma.

Tali sbarre sono sorte però perchè propedeutiche a eliminare i pericoli per l’incolumità pubblica e per bloccare il parcheggio selvaggio, salvaguardando l’impianto fognario della borgata, il decoro del paesaggio, in attesa della riqualificazione del vecchio approdo prevista entro il 2020 nell’ambito delle opere pubbliche, come da progetto di fattibilità già approvato. Presenti, il giorno in cui sono entrate in funzione, l’architetto Sarta, funzionario comunale dell’assessorato Mare e Coste, l’associazione Comitati Civici Palermo, l’associazione Pro Loco ‘Nostra Donna del Rotolo’ – Vergine Maria, Palermo Indignata e Legambiente Circolo Mesogeo.

palermoMa che queste sbarre non fossero ben viste era evidente, infatti, neanche dopo un mese una di queste è stata tranciata e di fronte a tale atto fu lo stesso Sindaco a dire “Ignoti hanno segato e gettato in mare stanotte la barra posta a protezione del litorale di Vergine Maria in prossimità della Tonnara “Bordonaro”, in una zona per anni utilizzata come parcheggio abusivo a ridosso della scogliera. Volgari e incivili palermitani che non comprendono che Palermo sta cambiando e che certamente non resteranno impuniti“.

LEGGI ANCHE:

Palermo. Tranciata la barra mobile a Vergine Maria, Orlando: “Verrà subito ripristinata”|Foto

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.