Disastro A19, il Codacons contro l'Anas: presentato esposto a tre Procure :ilSicilia.it
Catania

ipotizza l'attentato a sicurezza dei trasporti

Disastro A19, il Codacons contro l’Anas: esposto a tre Procure

di
18 Gennaio 2020

“L’Anas quale concessionario per la gestione e manutenzione della A19 non ha rispettato l’obbligo di attuare il progressivo miglioramento e adeguamento dell’autostrada“. Lo afferma il Codacons in un esposto presentato alle Procure di Catania, Caltanissetta e Palermo.

Nella denuncia si segnala “la mancata manutenzione dell’autostrada Palermo-Catania che ha determinato, da ultimo, il caos ed i gravi disagi per l’uscita obbligatoria al bivio Resuttano con incidenti a camion causati dalla precarietà del percorso alternativo che ha provocato il blocco di 60 tra tir, camion, autobus lungo la SP19″.

autostrada A19 Palermo-Catania lavori anasL’avvocato Carmelo Sardella, dirigente dell’ufficio legale Codacons Sicilia, rende noto che i reati ipotizzati sono rifiuto di atti d’ufficio e attentato alla sicurezza dei trasporti.

L’associazione di consumatori chiede anche alla magistratura di “accertare se è stata messa in pericolo la pubblica incolumità in ragione del venire meno delle condizioni di sicurezza relative alla circolazione dei veicoli sul tratto autostradale in questione”.

Inoltre, annuncia Sardella, “abbiamo istituito un ‘Comitato utenti vittime autostrade siciliane’ per avviare azioni legali e procedimenti risarcitori in favore degli utenti delle autostrade siciliane”.

 

 

LEGGI ANCHE:

Musumeci sui disagi nell’A19: “Caos inconcepibile e irriguardoso per i Siciliani”

Tir esce fuori strada: traffico in tilt sulla Palermo-Catania

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.