Disastro ambientale nel Palermitano, reflui a mare: l'acqua diventa nera e i pesci muoiono in diretta | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

ALLA FOCE DEL FIUME NOCELLA

Disastro ambientale nel Palermitano, reflui a mare: l’acqua diventa nera e i pesci muoiono in diretta | VIDEO

di
5 Settembre 2018
GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Sono immagini sconvolgenti quelle che arrivano dalla foce del fiume Nocella, nella baia di San Cataldo, una insenatura costiera situata tra i Comuni di Terrasini e Trappeto (PA).

Lo scorso 5 agosto 2018, durante una giornata di pioggia, il disastro ambientale documentato dalle immagini girate dall’associazione “San Cataldo Baia Della Legalità”, e diffuse poi dal blog culturale “Nuove Verrine.

Sono immagini davvero sconcertanti, che documentano migliaia e migliaia di litri di reflui neri, scaricati a mare, tramite il fiume Nocella e i suoi torrenti, attraversando 8 comuni: Terrasini, Trappeto, Partinico, Borgetto, Montelepre, Giardinello, Monreale e Carini.

Si vedono pesci del fiume invasi dall’onda nera e impossibilitati a respirare. Muoiono in diretta, asfissiati, tra lo sconforto di chi gira il video e commenta. fiume nocellaLo sversamento di liquami non lascia scampo ad anguille e altri pesci. 

Ecco cosa scrive l’associazione: «Rivolgiamo un appello, un grido d’aiuto al Ministro dell’ambiente Sergio Costa, affinché si ponga fine a quasi mezzo secolo di stupro ambientale. BASTA IMPUNITÀ. Un disastro ecologico che getta nello sconforto tutti coloro che speravano nella fine di un incubo lungo 40 anni. Incuria, degrado, criminalità, indifferenza. Quantità incalcolabili di reflui fognari si riversano sul fiume Nocella azzerando ogni forma di vita e tingendo di nero il mare antistante la Baia di San Cataldo. Nero come la morte, nero come ogni forma di prepotenza, nero come il silenzio.

Fiume Nocella

Onorevole Ministro Sergio Costa, La chiamiamo in causa perché riconosciamo l’importanza che Lei dà al ruolo che ricopre e con quanta distinzione ha combattuto contro lo smaltimento illegale di rifiuti. Quello che Le chiediamo è molto semplice, ma a quanto pare le cose semplici nella nostra Terra sono difficili da risolvere… Le chiediamo di intervenire sulla questione Nocella, dove l’affarismo, da più di 40 anni, tiene in ostaggio una delle aree più belle del Golfo di Castellammare. Il resto lo raccontano le immagini e tutte le denunce depositate nel corso di questi anni».

Intanto, dal 29 al 31 agosto, è stata lanciata una petizione che ha raccolto un centinaio di firme, per istituire una riserva a difesa dell’area.

Le immagini dall’alto, col drone:

Fiume Nocella Fiume Nocella

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin